A
Attualità
Attualità, 22/2019, 15/12/2019, pag. 663

Italia - Arezzo: una rondine per la pace

Giusy Baioni

Rondine nasce in un borgo medievale toscano a pochi chilometri da Arezzo, dove hanno sede i principali progetti di formazione, in particolare la World House, un percorso di 2 anni rivolto a giovani provenienti da paesi in conflitto attuale o recente o appartenenti a culture diverse che accettano di convivere con il proprio «nemico».

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-20

Africa – Burkina Faso: il jihadismo non è finito

Giusy Baioni

Dal 2015, i morti provocati dal terrorismo islamista in Burkina Faso sono circa 700. Quasi mezzo milione di persone ha abbandonato la propria casa. 3 attentati si sono registrati nella capitale Ouagadougou, ai danni soprattutto di occidentali. Il 19 agosto scorso, l’esercito burkinabé ha perso 24 uomini nell’assalto a una sua base militare nel nord del paese. Le forze amate, disorganizzate e mal equipaggiate, hanno chiesto due volte, lo scorso settembre, l’intervento dei francesi dell’operazione Barkhane.

 

Attualità, 2019-20

Testimonianza - Razzismo: il bene dal male

Giusy Baioni

Purtroppo, il clima culturale nel quale viviamo già da tempo ci ha posti in un atteggiamento di preoccupata veglia, a domandarci non se ma quando toccherà a noi. A mio marito, originario della Repubblica democratica del Congo, sono già capitati episodi spiacevoli, specie negli ultimi due anni, ma lui è adulto, istruito, pacato e sa come difendersi, con educazione e determinazione.

 

Attualità, 2019-18

Africa – Repubblica democratica del Congo: dramma lontano dai riflettori

Giusy Baioni

Tutto inizia con una mail inviata alla redazione del Regno. Una mail in francese, che racconta di un dramma nel dramma dell’Est della Repubblica democratica del Congo (RDC). Una mail con foto terribili, a testimoniare le atrocità e l’inderogabile necessità anche etica di parlarne.