A
Attualità
Attualità, 22/2019, 15/12/2019, pag. 663

Italia - Arezzo: una rondine per la pace

Giusy Baioni

Rondine nasce in un borgo medievale toscano a pochi chilometri da Arezzo, dove hanno sede i principali progetti di formazione, in particolare la World House, un percorso di 2 anni rivolto a giovani provenienti da paesi in conflitto attuale o recente o appartenenti a culture diverse che accettano di convivere con il proprio «nemico».

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-14

Africa – RD Comgo: l’indipendenza è fallita

Giusy Baioni

Sono diversi i paesi africani che quest’anno celebrano 60 anni d’indipendenza. Spesso ancora incompiuta. Una libertà che, in Repubblica democratica del Congo, ad esempio, resta ostaggio di enormi interessi internazionali, economici e geostrategici, ma anche di rapaci appetiti interni.

 

Attualità, 2020-12

Africa – Burundi: elezioni farsa

Giusy Baioni

Tutto da copione: il voto del 20 maggio scorso in Burundi si è svolto senza disordini; i due principali contendenti si sono entrambi dichiarati vincitori, la Commissione elettorale ha quindi ufficializzato la vittoria del delfino del presidente uscente, l’avversario ha fatto ricorso, la Corte costituzionale ha dichiarato valido il voto e l’avversario ha accettato la sconfitta. Parrebbe – dunque – un’elezione da manuale, senza problemi. Non fosse per il ruolo della Chiesa cattolica che, con la Conferenza episcopale (CECAB), ha rotto le uova nel paniere a chi aveva già predisposto il tutto per un gattopardesco cambio al vertice.

 

Attualità, 2020-8

Camerun - Con il virus, la tregua

Giusy Baioni

he sia effetto del coronavirus o delle intercessioni dei vescovi, in Camerun le regioni del Nord-est e del Sud-est godranno finalmente un po’ di pace. L’appello del segretario generale dell’ONU Guterres, fatto proprio da papa Francesco, domandava con forza una sospensione delle ostilità in tutto il mondo per far fronte comune al Covid-19. E in Camerun pare proprio che tale appello sia stato recepito.