A
Attualità
Attualità, 20/2019, 15/11/2019, pag. 596

Medio Oriente – Libano: la protesta WhatsApp

Maria Elisabetta Gandolfi

Il 17 ottobre il governo libanese ha presentato un progetto di legge per tassare le chiamate telefoniche tramite Internet. In un paese in cui telefonare ha un costo proibitivo, tutti ricorrono alle chiamate via Skype, Facetime, Messenger, ma soprattutto WhatsApp. È stata la goccia. Le manifestazioni – colorate, fantasiose ma soprattutto imponenti – si sono diffuse in tutto il paese. Formando addirittura domenica 27 una catena umana nell’autostrada Beirut – Tiro lunga 140 chilometri.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-20

Santa Sede - Segreteria per l’economia: un nuovo prefetto

Maria Elisabetta Gandolfi

Con la nomina, avvenuta il 14 novembre, a prefetto della Segreteria per l’economia di p. Juan Antonio Guerrero Alves si, consigliere generale della Compagnia di Gesù, si chiude il vuoto di una posizione chiave negli organismi che si occupano delle finanze vaticane, rimasta vacante dall’esito delle vicende giudiziarie del card. G. Pell.

 

Attualità, 2019-20

Sinodo Panamazzonico – Cronologia: con qualche imprevisto

Maria Elisabetta Gandolfi
 All’Angelus del 15 ottobre 2017 papa Francesco convoca un’Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi dedicata alla regione panamazzonica per ottobre 2019. La regione comprende 9 nazioni (Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Perù, Venezuela, Suriname, Guyana e Guyana francese) e 34 milioni di abitanti. La Rete ecclesiale panamazzonica (REPAM) è uno degli organismi più...
Attualità, 2019-18

Santa Sede - Sinodo panamazzonico: in attesa

Maria Elisabetta Gandolfi

Nelle prime due settimane dei lavori dell’Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi dedicata alla regione panamazzonica con il tema «Nuovi cammini per la Chiesa e per un’ecologia integrale» (6-27.10.2019), sono emersi ormai tutti i temi caldi all’ordine del giorno. Lo si è visto nella relazione d’apertura del card. C. Hummes, in ciò che è stato riferito dal prefetto del Dicastero per la comunicazione Ruffini sugli interventi in aula, nelle parole dei sinodali che sono intervenuti nei briefing quotidiani in Sala stampa vaticana.