A
Attualità
Attualità, 6/2018, 15/03/2018, pag. 133

Italia - Bioetica: della dignità e dei diritti

La forzatura nel processo Cappato e la legge sulle disposizioni anticipate di trattamento

Luciano Eusebi

La legge n. 219 del 2017 (Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento) s’è proposta come mirante a sancire la non praticabilità di terapie, o della loro prosecuzione, ove manchi il consenso del paziente capace d’intendere e volere (oppure ove sussistano disposizioni anticipate di trattamento in senso contrario). Il tema non è certo privo di profili delicati sul terreno etico. Né la legge è esente, come si dirà, da passaggi problematici. Ma sarebbe importante che intorno a quel distinguo si potesse riconoscere, oggi, un punto di equilibrio.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-18

Italia - Fine vita: la china

Sul recente comunicato della Corte costituzionale

Luciano Eusebi

Il passaggio, dunque, è stato compiuto. Attraverso un comunicato dello scorso 25 settembre, la Corte costituzionale ha reso nota la decisione di riconoscere un ambito d’ammissibilità della cooperazione all’altrui intento d’anticipare artificialmente la propria morte: «La Corte ha ritenuto non punibile ai sensi dell’articolo 580 del Codice penale, a determinate condizioni, chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli».

 

Attualità, 2018-2

Italia - Politica: appellarsi ai principi non basta

Luciano Eusebi

Col predisporre questo volume s’è inteso offrire un apporto (…) in merito a una delle problematiche più complesse nell’orizzonte pluralistico delle democrazie moderne (…) nelle quali l’elaborazione stessa del diritto (…) debba rispondere inevitabilmente a mere logiche di competizione fra stranieri morali.