A
Attualità
Attualità, 20/2017, pag. 594

Italia - Settimane sociali: il lavoro che ci fa persone

Rilanciare l'impegno dei cattolici nello spazio pubblico

Paolo Tomassone

Ritornare nel vivo di uno dei problemi fondamentali per gli uomini e, in particolare, per i giovani di oggi: quello del lavoro. Un lavoro, come ha indicato papa Francesco nell’esortazione apostolica Evangelii gaudium, che deve essere «libero, creativo, partecipativo e solidale». Sono queste le premesse e le conclusioni della 48a edizione delle Settimane sociali dei cattolici italiani tenutasi a Cagliari, dove sono arrivati, dal 26 al 29 ottobre, oltre 1.000 delegati (circa 300 giovani, 190 sacerdoti, 80 vescovi) a conclusione di un percorso preparatorio avviato nelle rispettive diocesi di appartenenza.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-2

Italia - Bolzano: la speranza operosa

Intervista a mons. Ivo Muser

Paolo Tomassone (a cura di)

In vista delle festività natalizie la Conferenza episcopale del Triveneto, seguita dai vescovi del Piemonte e della Valle d’Aosta, ha scelto di poter ricorrere alla «terza forma» del sacramento della penitenza proprio per accompagnare la comunità in questo tempo di Natale particolarmente inedito.

 

Attualità, 2020-20

Medio Oriente - Siria: uccisi dal silenzio

Uno dei più sanguinosi e lunghi conflitti alle porte del Mediterraneo

Paolo Tomassone

Dopo ormai 10 anni di guerra, in Siria si vive una crisi senza fine: 500.000 morti (poco meno della metà di quelli morti di pandemia in tutto il mondo); l’80% della popolazione che vive in povertà; 5,6 milioni di rifugiati nei paesi confinanti e almeno 1 milione tra Europa, America del nord e Australia; gli sfollati interni sono 7 milioni, anche se il dato è in continua evoluzione e potrebbe essere sottostimato.

 

Attualità, 2020-16

Italia - Scuola: banchi d’Italia

Investire sulla scuola è pensare al futuro del paese. Intervista a Patrizio Bianchi

Paolo Tomassone

Tutti hanno lavorato per aprire la scuola, però ora tutti devono lavorare per «tenerla aperta e per renderla migliore di prima». Il governo in questi mesi «ha operato bene, pur in una situazione molto difficile». Ma la scuola non è solo il governo. «La scuola sono gli enti locali, sono le scuole intese come soggetti autonomi e sono le famiglie». Per Patrizio Bianchi, ex rettore dell’Università di Ferrara, ordinario di Economia, e durante il lockdown a capo della commissione fortemente voluta dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, «bisogna dimostrare di volere investire in maniera massiccia sulla scuola perché il nostro paese è quello che in Europa ha investito di meno ed è anche quello cresciuto meno».