A
Attualità
Attualità, 14/2017, 15/07/2017, pag. 431

Asia – Cina - Hong Kong: vent’anni dopo

Stefano Vecchia

Il 1° luglio ha visto il culmine delle celebrazioni per il 20° anniversario del ritorno di Hong Kong alla Cina dopo 150 anni di dominio coloniale britannico. Proteste significative hanno però segnato un tempo che, con la coincidenza non casuale di tre eventi significativi, avrebbe dovuto celebrare la bontà del controllo della lontana capitale sulla sua Regione amministrativa speciale e del teorema «un paese due sistemi» che Pechino vorrebbe esteso, dopo Hong Kong e Macau, anche a Taiwan.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-16

Santa Sede - Vietnam: l’accordo

Stefano Vecchia

Dopo due giorni di colloqui, il 23 agosto le delegazioni della Santa Sede e del governo vietnamita hanno comunicato d’avere raggiunto l’accordo per la designazione di una rappresentanza permanente in Vietnam «in vista dell’apertura della sede alla prima data possibile».

 

Attualità, 2019-16

India - Siro-malabaresi: un cardinale dimezzato

Stefano Vecchia

Il Vaticano ha approvato il 30 agosto il nuovo regime amministrativo della Chiesa di rito siro-malabarese, una comunità di 3,5 milioni di fedeli del principale rito orientale presente in India in 35 diocesi, e in 4 fuori dal paese. La decisione è stata presa dal Sinodo dei 57 vescovi siro-malabaresi, riunito dal 19 al 30 agosto a Kakkanad, presso Kochi, che aveva all’ordine del giorno una grave crisi, in corso da tempo, con pesanti conseguenze per la comunità.

 

Attualità, 2019-14

Asia - Myanmar: no alla diga

Stefano Vecchia

Concentrato sulla situazione dello Stato occidentale di Rakhine (Arakan), scosso da violenze interetniche e spopolato della minoranza rohingya per la brutale repressione militare; sconcertato dall’apparente divergenza della leader Aung San Suu Kyi dalle posizioni che le avevano fatto meritare il premio Nobel per la Pace nel 1991, il mondo sembra avere dimenticato i drammi che lo sviluppo – per decenni limitato e gestito in favore delle forze armate – ha portato a un paese dalle grandi potenzialità ma ancora oggi diviso da troppi interessi in conflitto.