A
Attualità
Attualità, 12/2016, 15/06/2016, pag. 364

Chiesa cattolica - Cina: l'arte come missione

Il gesuita Castiglione nel 250° della morte. Uno stile unico presso la dinastia Qing

Gianni Criveller

Alla corte di Pechino, più di 250 anni fa, avvenne uno dei più affascinanti incontri della storia tra la cultura visuale, musicale e scientifica europea e quella cinese. Protagonisti furono i missionari scienziati e artisti a servizio della corte imperiale. Tra loro il più grande fu il gesuita milanese Giuseppe Castiglione, pittore, incisore, architetto e ingegnere di eccezionale talento.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-16

Cina: Hong Kong nel cuore

Una crisi senza apparenti vie d’uscita, l’esasperazione dei giovani

Gianni Criveller

Dopo 14 fine settimana di proteste, manifestazioni pacifiche, di caos e violenza, ai quali ha risposto la polizia, occasionalmente con brutalità, la peggiore crisi sociale e politica degli ultimi decenni non si è ancora risolta.

 

Attualità, 2015-9

C. Demi, Maria e Gabriele. L'accoglienza delle madri

Gianni Criveller

Ho tenuto con me l’ultima opera poetica di Cinzia Demi, impreziosita da una bella copertina di Maurizio Caruso, dentro la borsa che mi ha accompagnato nei viaggi di questi ultimi mesi. Il libro è piccolo, è dunque agevole da portare con sé, da leggere nelle ore d’attesa degli aeroporti o dentro l’aereo. Mancava la calma di scriverne qualcosa, ma non il tempo di leggerlo e rileggerlo. Alla fine il forzato posticipare di questo scritto ha portato un inatteso beneficio. Rileggendolo, il testo mi diventava sempre più comprensibile, familiare e piacevole. Nello stesso tempo le notizie dal mondo e dall’Europa, purtroppo sempre tragiche, s’incaricavano di dare un segno e un senso sempre più illuminante a quanto leggevo. Come potevo disgiungere la lettura dell’accoglienza delle madri di Cinzia dalle immagini a volte d’accoglienza a volte di rifiuto di donne e bambini in fuga dalla violenza e dalla guerra? Le televisioni nel mondo e gli schermi degli aeroporti, hanno mostrato scene a cui non sappiamo decidere se abituarci o no.

Attualità, 2015-7

Hong Kong e la Cina: dopo gli ombrelli

Intervista al card. Joseph Zen Ze-kiun, vescovo emerito di Hong Kong

Maria Caterina Bombarda, Gianni Criveller

Ospite nella casa madre dei missionari comboniani a Verona, lo scorso 19 maggio il card. Joseph Zen Ze-kiun, vescovo emerito di Hong Kong, ha tenuto un incontro pubblico dal titolo «Dai martiri di Mao a Occupy Hong Kong. La fede coltiva l’umano», all’interno del Festival biblico, dedicato al tema «Custodire il creato, coltivare l’umano» (21.5-2.6.2015). Nel corso dell’incontro è stato anche presentato il volume In catene per Cristo. Diari di martiri nella Cina di Mao, curato dal giornalista veronese Gerolamo Fazzini, che presenta testimonianze di cattolici imprigionati per decenni durante il regime maoista. Salesiano, ordinato sacerdote nel 1961 a Torino, il card. Zen si è distinto per le sue posizioni di denuncia delle ingerenze del Partito comunista cinese nella vita delle Chiese, per la difesa della libertà religiosa e per numerose battaglie a favore dei diritti umani in Cina. Ha combattuto per il diritto di residenza dei figli di cittadini di Hong Kong nati nella Repubblica popolare cinese, per l’autonomia delle scuole cattoliche contro l’educazione patriottica, per la verità su piazza Tienanmen, contro la legge per la sicurezza nazionale e in molte altre campagne, che hanno portato la stampa di Hong Kong a definirlo la «coscienza» del paese. Ha sostenuto attivamente la campagna di disobbedienza civile che ha visto il centro della città occupato dalla cosiddetta «Rivoluzione degli ombrelli», da ottobre a dicembre 2014, per protestare contro la decisione unilaterale presa in agosto dall’Assemblea nazionale popolare sul processo per l’elezione del nuovo governatore. Benché egli abbia preso spesso, soprattutto rispetto alle aperture della Santa Sede al dialogo con il governo cinese, posizioni che la rivista non condivide, riteniamo che il card. Zen sia comunque una voce interessante da ascoltare sulla realtà della Cina e di Hong Kong in particolare.