A
Attualità
Attualità, 10/2015, 15/11/2015, pag. 651

Santa Sede - Vatileaks 2: condannati all'oblio

Guido Mocellin

Non è difficile riassumere in poche righe le vicende alle quali, unanimi, i media fanno riferimento con il termine di «Vatileaks 2». Due giornalisti, Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, a diverso titolo professionisti dello scandalismo vaticano, entrano in possesso di una serie di documenti prodotti, tra il 2013 e il 2014, nell’ambito della Pontificia commissione referente di studio e di indirizzo sull’organizzazione della struttura economico-amministrativa della Santa Sede (COSEA), e ne ricavano due libri, intitolati rispettivamente Via Crucis (Chiarelettere) e Avarizia (Feltrinelli).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-8

Politica internazionale COVID-19: preparare il futuro

Sette tendenze da monitorare per il dopo-virus

Maria Elisabetta Gandolfi, Guido Mocellin

L’International Crisis Group (ICG), organizzazione indipendente dedita alla prevenzione delle guerre e allo studio di politiche volte alla costruzione di un mondo più pacifico, ha inaugurato lo scorso 24 marzo una serie di pubblicazioni relative alla pandemia da coronavirus e ai suoi effetti sul panorama internazionale. Si tratta di un rapporto che indica Sette tendenze da monitorare: aree nelle quali «la sfida globale alla salute coincide con guerre e situazioni politiche (…) che potrebbero dare luogo a nuove crisi o esacerbare quelle esistenti»; ma anche «casi nei quali la malattia potrebbe, attraverso un efficace lavoro diplomatico, stimolare una riduzione delle tensioni».

 

Attualità, 2020-8

Australia – Caso Pell: prosciolto

Guido Mocellin

Con i suoi 5.895 casi accertati, 1.080 ricoverati e 45 morti, l’Australia viaggiava, lo scorso 7 aprile, solo al 21° posto nella classifica mondiale dei paesi colpiti dal coronavirus. Eppure l’epidemia dominava già le homepage dei siti dei principali quotidiani. Questa situazione potrebbe aver influenzato la decisione dell’Alta corte di quel paese di diffondere proprio in tale data, in anticipo sulle previsioni, la decisione che un’opinione pubblica meno distratta avrebbe faticato a digerire: il ribaltamento del giudizio di colpevolezza a carico del card. George Pell.

 

Attualità, 2020-6

Santa Sede - Medjugorje: una fede antimoderna

Forzata la pubblicazione della Relazione finale, il papa si pronuncerà?

Guido Mocellin

Dal febbraio 2020 la Relazione finale della Commissione Ruini sul «fenomeno Medjugorje», ovvero il documento, datato 17 gennaio 2014, che ricapitola i lavori della Commissione internazionale d’inchiesta su Medjugorje costituita nel 2010 da papa Benedetto XVI presso la Congregazione per la dottrina della fede sotto la presidenza del card. Camillo Ruini, è pubblica.