A
Attualità
Attualità, 10/2022, 15/05/2022, pag. 304

P. Colombo, G. Lanotte, Azzurri

Storie della nazionale e identità italiana

Luca Miele

Che cosa c’è di più inafferrabile dell’identità italiana? Refrattaria a ogni facile classificazione essa sembra condividere con la nazione lo stesso destino: essere un’incompiuta. Nord e Sud, élite e popolo, centro e periferia: non esiste una sola Italia, ma molte e diverse e, a volte, (apparentemente) inconciliabili. Eppure c’è qualcosa che unisce: il pallone.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-22

G. Lindo Ferretti, Óra

Difendi conserva prega

Luca Miele

Óra. Difendi conserva prega è una sorta di manifesto, di atto d’amore per la preghiera. Non è un trattato, non un’opera omogenea o strutturata ma, al contrario, si offre come un testo rapsodico nel quale il vissuto del cantante/orante s’annoda alla meditazione sulla preghiera, è ritmata dalle parole delle preghiere: dal De profundis al Padre nostro. «Credo – scrive l’autore – il pregare un ragionevole atto, intimo a sociale.

Attualità, 2022-20

P. Gerbaudo, Controllare e proteggere

Il ritorno dello Stato

Luca Miele

La diagnosi è del sociologo Paolo Gerbaudo, che legge questo cambiamento di paradigma come il frutto del «passaggio tra due diverse ere ideologiche» (13): la prima, l’era neoliberista, si è affermata alla fine del Novecento e ha dominato incontrastata la scena per alcuni decenni; la seconda, definita come neo-statalista, è germogliata sulla crisi della prima.

 

Attualità, 2022-18

N. Cave, S. O’Hagan, Fede, speranza e carneficina

Luca Miele

Fede, speranza e carneficina – il libro-intervista in cui il cantautore australiano Nick Cave, una delle voci più significative (e tormentate) del panorama del rock contemporaneo, si racconta al giornalista Seán O’Hagan – è un lungo, sofferto, coraggioso, a tratti ipnotico, corpo a corpo con l’esperienza del lutto e con la capacità della musica di trattenere, restituire e mitigare l’ustione del dolore.