D
Documenti
Documenti, 19/2020, 01/11/2020, pag. 601

Trasparenza negli appalti vaticani

Lettera apostolica motu proprio sulla trasparenza nei contratti pubblici della Santa Sede

Francesco

«Al fine di consentire una più efficace gestione delle risorse, ho… ritenuto di approvare un insieme di norme volte a favorire la trasparenza, il controllo e la concorrenza nelle procedure di aggiudicazione dei contratti pubblici stipulati per conto della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano». In continuità con le riforme avviate a partire dal 2014 sugli assetti economici e sui criteri di gestione della curia romana e dello stato vaticano, il 1° giugno papa Francesco ha promulgato con il motu proprio Sulla trasparenza, il controllo e la concorrenza nelle procedure di aggiudicazione dei contratti pubblici della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano una legislazione che costituisce un vero e proprio codice dei contratti e degli appalti.

Accompagnato da un documento di Norme sulla trasparenza, controllo e concorrenza dei contratti pubblici della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano e da uno sulla Tutela giurisdizionale in materia di trasparenza, controllo e concorrenza dei contratti pubblici per la Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano (qui omessi), assume come criteri guida la sostenibilità della spesa, la trasparenza delle procedure di aggiudicazione, le misure contro il conflitto di interesse. Il 5 ottobre il papa ha creato una nuova Commissione di materie riservate, presieduta dal card. Kevin Farrell, prevista appunto nel nuovo codice degli appalti.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-20

D. De Rosa, Il santo vegetariano

San Francesco da Paola e gli animali

Francesco Pistoia

In particolare il volume parla del senso profondo della vita quaresimale perpetua che il frate prescriveva ai suoi figli: un cammino di liberazione e d’avvicinamento a Dio, una regola austera, anche se con deroghe per i frati ammalati. Il Paolano è poi legato al santo d’Assisi di cui porta il nome: infatti, si chiamano poveri «eremiti di san Francesco di Assisi» quanti lo seguono nella sua congregazione (poi Ordine dei minimi).

 

Attualità, 2020-20

V. Roghi, Lezioni di fantastica; N. Cinquetti, A. Ferrari, Il punto di domanda

Francesco Pistoia

Il saggio che Vanessa Roghi dedica a Gianni Rodari (Omegna 1920 – Roma 1980) nel centenario della nascita è un lavoro impostato su documenti e dati attentamente vagliati. Anche Nicola Cinquetti (premio Andersen 2020 per la scrittura) e Antongionata Ferrari (premio Andersen 2007 per l’illustrazione) lo ricordano.

Documenti, 2020-17

Fratelli tutti

Lettera enciclica sulla fraternità e l’amicizia sociale

Francesco

«Consegno questa enciclica sociale come un umile apporto alla riflessione affinché, di fronte a diversi modi attuali di eliminare o ignorare gli altri, siamo in grado di reagire con un nuovo sogno di fraternità e di amicizia sociale che non si limiti alle parole. Pur avendola scritta a partire dalle mie convinzioni cristiane, che mi animano e mi nutrono, ho cercato di farlo in modo che la riflessione si apra al dialogo con tutte le persone di buona volontà».

La terza lettera enciclica di papa Francesco, Fratelli tutti, riflette sulla fraternità e l’amicizia sociale, ed è stata firmata ad Assisi sulla tomba di san Francesco il 3 ottobre, e pubblicata il 4 ottobre.

Incorniciata tra le figure di san Francesco d’Assisi e del beato Charles de Foucauld, che volle essere il «fratello universale» ma «solo identificandosi con gli ultimi arrivò a essere fratello di tutti», nei suoi otto capitoli si sofferma sulla «dimensione universale dell’amore fraterno», sviluppando temi già apparsi nell’insegnamento di papa Francesco, in particolare nell’esortazione apostolica Evangelii gaudium, nell’enciclica Laudato si’ e nel Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, firmato con il grande imam di Al-Azhar Ahmad Al-Tayyeb ad Abu Dhabi il 4 febbraio 2019.