D
Documenti
Documenti, 1/2020, 01/01/2020, pag. 17

Sulla riservatezza delle cause di pedofilia

Rescritti ex audientia; istruzione; commento di J.I. Arrieta

Francesco

Il Rescritto con cui si promulga l’istruzione Sulla riservatezza delle cause, reso noto il 17 dicembre, ha fatto i titoli delle prime pagine e ha raccolto il plauso delle vittime della pedofilia clericale. Esso abolisce il «segreto pontificio» sotto il quale ricadevano i delitti regolati dal motu proprio Vos estis lux mundi dello scorso maggio (Regno-doc. 11,2019,325). Ciò significa innanzitutto che il Vaticano potrà (dovrà) rispondere alle rogatorie internazionali inviando la documentazione che viene richiesta, ora non più vincolato dalla restrizione del segreto pontificio ma solo a quello d’ufficio; poi, che il vescovo diocesano potrà (dovrà), secondo i diversi regimi giuridici, collaborare ancor di più con le autorità civili; infine la vittima potrà conoscere l’esito del processo canonico che riguarda il proprio carnefice e anche le comunità saranno informate, per evitare che persone giudicate colpevoli possano compiere altro male. Il Rescritto con cui si introducono alcune modifiche alle Normae de gravioribus delictis, inoltre, introduce altre due modifiche: l’innalzamento a 18 anni dell’età in base alla quale anche i reati relativi al possesso e al traffico di materiale pedopornografico ricadono nei delicta graviora di competenza della Congregazione per la dottrina della fede (prima era 14 anni); e il fatto che anche laici potranno ricoprire nei procedimenti canonici il ruolo di avvocato e di procuratore.

 

Stampa (17.12.2019) da sito web www.vatican.va; L’Osservatore romano 18.12.2019, 4-5. Titolazione redazionale.

Sulla
pedopornografia

     Il santo padre Francesco, nell’udienza concessa al sottoscritto cardinale segretario di Stato e al sottoscritto cardinale prefetto della Congregazione per dottrina della fede il giorno 4 ottobre 2019, ha stabilito di introdurre le seguenti modifiche alle Normae de gravioribus delictis riservati al giudizio della Congregazione per la dottrina della fede, di cui al motu proprio Sacramentorum sanctitatis tutela, di san Giovanni Paolo II, del 30 aprile 2001, come modificate dal Rescriptum ex audientia ss.mi del 21 maggio 2010, a firma dell’allora prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, card. William Levada:

Articolo 1

L’art. 6 § 1, 2° Sacramentorum sanctitatis tutela è integralmente sostituito dal seguente testo:

     «l’acquisizione o la detenzione o la divulgazione, a fine di libidine, di immagini pornografiche di minori di diciotto anni da parte di un chierico, in qualunque modo e con qualunque strumento».

Articolo 2
  • 1 - L’art. 13 Sacramentorum sanctitatis tutela è integralmente sostituito dal seguente testo:

     «Funge da avvocato e procuratore un fedele, provvisto di dottorato in diritto canonico, che viene approvato dal presidente del collegio».

  • 2 - L’art. 14 Sacramentorum sanctitatis tutela è integralmente sostituito dal seguente testo:

     «Negli altri tribunali, poi, per le cause di cui nelle presenti norme, possono adempiere validamente gli uffici di giudice, promotore di giustizia e notaio soltanto sacerdoti».

     Il santo padre ha disposto che il presente Rescriptum sia pubblicato su L’Osservatore romano, nonché negli Acta Apostolicae Sedis, entrando in vigore a decorrere dal 1° gennaio 2020.

 

     Dal Vaticano, 3 dicembre 2019

 

Pietro card. Parolin,

segretario di stato

Luis Francisco card. Ladaria,

prefetto della Congregazione per la dottrina della fede

 

Sulla riservatezza delle cause

     Il santo padre Francesco, nell’udienza concessa a sua eccellenza mons. Edgar Peña Parra, sostituto per gli Affari generali della Segreteria di stato, il giorno 4 dicembre 2019, ha stabilito di emanare l’istruzione Sulla riservatezza delle cause, allegata al presente Rescriptum e che ne forma parte integrante.

     Il santo padre ha disposto che esso abbia fermo e stabile vigore, nonostante qualsiasi cosa contraria anche se degna di speciale menzione, che sia promulgato tramite pubblicazione su L’Osservatore romano, entrando in vigore immediatamente, e quindi pubblicato nel commentario ufficiale degli Acta Apostolicae Sedis.

 

     Dal Vaticano, 6 dicembre 2019.

 

Pietro card. Parolin,

segretario di stato

Istruzione

     1. Non sono coperti dal segreto pontificio le denunce, i processi e le decisioni riguardanti i delitti di cui:

     a) all’art. 1 del motu proprio Vos estis lux mundi, del 7 maggio 2019;

     b) all’art. 6 delle Normae de gravioribus delictis riservati al giudizio della Congregazione per la dottrina della fede, di cui al motu proprio Sacramentorum sanctitatis tutela, di san Giovanni Paolo II, del 30 aprile 2001, e successive modifiche.

     2. L’esclusione del segreto pontificio sussiste anche quando tali delitti siano stati commessi in concorso con altri delitti.

     3. Nelle cause di cui al punto 1, le informazioni sono trattate in modo da garantirne la sicurezza, l’integrità e la riservatezza ai sensi dei canoni 471, 2° CIC e 244 § 2, 2° CCEO, al fine di tutelare la buona fama, l’immagine e la sfera privata di tutte le persone coinvolte.

     4. Il segreto d’ufficio non osta all’adempimento degli obblighi stabiliti in ogni luogo dalle leggi statali, compresi gli eventuali obblighi di segnalazione, nonché all’esecuzione delle richieste esecutive delle autorità giudiziarie civili.

     5. A chi effettua la segnalazione, alla persona che afferma di essere stata offesa e ai testimoni non può essere imposto alcun vincolo di silenzio riguardo ai fatti di causa.

Riservatezza
e dovere di denuncia
Juan Ignacio Arrieta

     È stato pubblicato oggi un Rescritto ex audientia, concesso dal santo padre al sostituto della Segreteria di stato lo scorso 6 dicembre e a firma del cardinale segretario di stato, che promulga un’istruzione Sulla riservatezza delle cause. Questa istruzione intende precisare il grado di riserva con cui devono essere gestite le notizie o le denunce concernenti abusi sessuali compiuti da chierici o persone consacrate contro minori e altri soggetti qui determinati, nonché quelle eventuali condotte di autorità ecclesiastiche che tendessero a silenziarle o coprirle. Come si vedrà, lo scopo della nuova istruzione è di cancellare in questi casi la soggezione a quello che viene chiamato «segreto pontificio», riconducendo invece il «livello» di riservatezza, doverosamente richiesta a tutela della buona fama delle persone coinvolte, al normale «segreto d’ufficio» stabilito dal can. 471, 2° CIC (can. 244 §2, 2° CCEO), che ogni pastore o il titolare di un pubblico ufficio è tenuto a osservare in modalità distinte a seconda si tratti di soggetti che hanno diritto a conoscere dette notizie e di chi, invece, non è in possesso di alcun titolo per averle.

     Il documento vuole dare certezza sul modo di comportarsi in queste situazioni che, in alcuni casi, particolarmente per i ministri sacri, possono sfiorare irrinunciabili doveri morali di segretezza. L’istruzione dà pure seguito ad altri provvedimenti adottati di recente dalla Santa Sede, particolarmente dopo la riunione dei presidenti delle Conferenze episcopali tenuta a fine dello scorso mese di febbraio. Anche la Penitenzieria apostolica è intervenuta in questi argomenti con una nota dello scorso 29 giugno sull’importanza del foro interno e l’inviolabilità del sigillo sacramentale, nel cui contesto è da inquadrare anche l’istruzione ora promulgata.

     Infatti, pur senza fare diretta menzione del segreto pontificio, il motu proprio La tutela dei minori, del 30 marzo 2019, e l’art. 3 della contestuale Legge vaticana n. CCXCVII sulla protezione di minori e persone vulnerabili, del 26 marzo 2019, hanno imposto all’interno della Santa Sede l’obbligo di denuncia di questo genere di reati perpetrati da impiegati o comunque avvenuti nel territorio vaticano, salvo unicamente – com’è ovvio – il sigillo sacramentale che sempre deve rispettare il sacerdote che confessa (art. 3 §§1, 3 Legge n. CCXCII). Successivamente, il 7 maggio 2019, il motu proprio Vos estis lux mundi, che nemmeno fa cenno al segreto pontificio e neanche – per considerarlo evidente – al sigillo sacramentale, ha allargato l’obbligo di denuncia rispetto a condotte illecite di chierici o consacrati, includendo gli atti sessuali con adulti realizzati con abuso di autorità e il silenzio colpevole su condotte di questo genere nel corso di inchieste ecclesiastiche avviate nei confronti dei responsabili di tali crimini. Vos estis lux mundi ha imposto ai chierici e ai consacrati di tutta la Chiesa l’obbligo di denunciare eventuali notizie su condotte di questo genere, precisando che in nessun caso tale segnalazione sarebbe stata considerata come «violazione del segreto d’ufficio» (art. 4 §1).

     Questi provvedimenti pontifici andavano ben oltre la competenza esclusiva concessa alla Congregazione per la dottrina della fede nel motu proprio Sacramentorum sanctitatis tutela, del 30 aprile del 2001 e varie volte modificato di seguito, che limitava il compito del Dicastero agli abusi contro minori e incapaci commessi esclusivamente da chierici. L’obbligo di denuncia prescritto da queste norme richiedeva, per esigenze di coerenza normativa, un attento esame dalla prospettiva del segreto pontificio, che i vari documenti non avevano menzionato. Infatti, detto segreto altro non è che uno speciale dovere di riservatezza – più severamente tutelato dalla legge canonica e assunto mediante una specifica formula di giuramento – imposto a certe categorie di persone (vescovi, ufficiali di curia, ecc.) per rapporto a determinati argomenti che loro devono trattare in ragione dell’ufficio. Si dava il caso, però, che l’art. I, § 4 dell’istruzione Secreta continere, del 1974, che fino a oggi regola il «segreto pontificio», menziona tra gli argomenti sottoposti a detta norma le denunce, il processo e le decisioni concernenti i reati gravi contro la morale: in pratica, tutte le condotte oggetto dei provvedimenti recenti.

     Tale sarebbe il contesto e la motivazione di questa breve istruzione che, come non poteva essere diversamente, riguarda soltanto obblighi giuridici di una materia che, per certi aspetti, può anche coinvolgere (principalmente nei casi di sacerdoti) irrinunciabili doveri morali di sigillo che nessun legislatore umano ha capacità di modificare. Si tratta peraltro di un testo in cui i cinque paragrafi che lo compongono sono strettamente collegati tra di loro completandosi a vicenda per segnalare insieme la corretta condotta da seguire.

Segreto della confessione e segreto d’ufficio

     L’istruzione non ha collisione alcuna col dovere assoluto di osservare il sigillo sacramentale, che è un obbligo imposto al sacerdote in ragione della posizione che occupa nell’amministrazione del sacramento della confessione, e dal quale neanche il penitente stesso potrebbe liberare. Nemmeno tocca l’istruzione il dovere di stretta riserva acquisito eventualmente fuori della confessione, nell’ambito del foro interno detto «extra-sacramentale». Infine, l’istruzione non riguarda altri eventuali doveri morali di riservatezza in ragione di circostanze affidate al sacerdote nel senso descritto dal n. 2 della citata Nota della Penitenzieria apostolica.

     Come già detto, l’istruzione inizia escludendo dalla categoria di «segreto pontificio» – con implicita modifica, quindi, dell’art. I § 4 dell’istruzione Secreta continere – sia le materie descritte nell’art. 1 del motu proprio Vos estis lux mundi (abuso di autorità nel costringere ad atti sessuali, abuso sessuale di minori o di persone vulnerabili, occultamento di queste condotte in inchieste ecclesiastiche), sia anche quelle contenute nell’art. 6 del motu proprio Sacramentorum sanctitatis tutela, così com’è adesso in vigore, che riguarda reati di pedofilia con minori di 18 anni o con soggetti incapaci, nonché i reati di pedopornografia che abbiano per oggetto giovani al di sotto di 18 anni (d’accordo con la correzione dell’art. 6 § 1, 2° ora realizzata da un altro Rescritto ex audientia a cui poi farò riferimento). Tutte queste condotte, quindi, non sono più oggetto di segreto pontificio, anche qualora venissero eventualmente compiute, come indica il n. 2 dell’istruzione, in concorso con altri reati che pure siano oggetto di segreto pontificio (ad esempio altri reati contro la morale o contro i sacramenti di competenza della Congregazione per la dottrina della fede e menzionati nell’istruzione Secreta continere).

     Tuttavia, e questo è un particolare importante, il fatto che la conoscenza di queste azioni delittuose non sia più vincolata al «segreto pontificio» non vuole dire che venga sdoganata la libera pubblicità da parte di chi ne è in possesso, il che oltre a essere immorale, lederebbe il diritto alla buona fama delle persone protetto dal can. 220 CIC. A questo riguardo, il n. 3 dell’istruzione richiama quanti, in qualunque modo, sono chiamati a gestire ufficialmente tali situazioni al normale segreto o riservatezza d’ufficio indicato nei canoni 471, 2° CIC e 244 § 2, 2° CCEO, come già faceva l’art. 2 § 2 del motu proprio Vos estis lux mundi. Ciò significa che le persone informate della situazione o in qualche modo coinvolte nelle inchieste o istruzione della causa sono tenute a «garantire la sicurezza, l’integrità e la riservatezza», e a non condividere informazioni di alcun genere con soggetti terzi, estranei alla causa. Tra i soggetti implicati nel processo, una volta avviato formalmente, c’è ovviamente l’imputato, per cui il nuovo provvedimento favorisce anche l’adeguato diritto alla difesa.

     Nei successivi due numeri dell’istruzione ritroviamo comunque altre due importanti precisazioni al dovere della riservatezza. Una è contenuta nel n. 5, il quale, seguendo anche quanto indicato dall’art. 4 § 3 del motu proprio Vos estis lux mundi, vieta d’imporre alcun genere di «vincolo di silenzio riguardo ai fatti della causa» sia al soggetto che abbia fatto la segnalazione o la denuncia all’autorità, sia a coloro che affermino di essere stati offesi, sia anche ai testimoni che intervengono nella causa. La sola eccezione a questo divieto riguarda l’imputato stesso che, in questo genere di provvedimenti, è regolarmente sottoposto sin dall’inizio a vario genere di proibizioni e misure cautelari, a seconda di quali siano le circostanze concrete. Il segreto d’ufficio, dunque, concerne tutti coloro che in ragione del proprio ruolo devono intervenire nella trattazione della causa.

     L’altra importante perimetrazione del silenzio di ufficio, che ora viene ulteriormente ribadita, sempre in linea con la norma dell’art. 19 del motu proprio Vos estis lux mundi, è il richiamo alla doverosa osservanza delle leggi statuali stabilite in argomento. Perciò, il n. 4 dell’istruzione ribadisce che il segreto di ufficio che occorre osservare in queste cause in nessun caso può essere ostacolo «all’adempimento degli obblighi stabiliti in ogni luogo dalle leggi statali, compresi gli eventuali obblighi di segnalazione [di eventuali notizie di reato], nonché all’esecuzione delle richieste esecutive delle autorità giudiziarie civili» che, naturalmente, potrebbe obbligare alla consegna, per esempio, di materiale documentale di foro esterno.

     Questo, in sostanza, il contenuto della nuova istruzione che, in linea con le norme date negli ultimi mesi sulla tematica, corregge leggermente l’istruzione Secreta continere rendendo più coerente il sistema disciplinare nel suo insieme, e sempre al margine dei doveri morali di sigillo e riservatezza che una legge positiva non è in grado di poter sciogliere.

Ruolo dei laici

     Contestualmente con la promulgazione dell’istruzione Sulla riservatezza delle cause, viene oggi pubblicato un documento differente riguardante però analoga tematica. Si tratta di un altro Rescritto ex audientia, questa volta inusualmente concesso a due cardinali – il segretario di stato e il prefetto della Congregazione per la dottrina della fede – da inscrivere nel periodico aggiornamento delle norme del motu proprio Sacramentorum sanctitatis tutela, concernente la trattazione dei delitti più gravi che competono alla Congregazione per la dottrina della fede, man mano che l’esperienza giuridica dell’adeguato svolgimento dei processi lo richiede. Le modifiche introdotte in questa occasione, che sostituiscono precedenti testi del citato motu proprio, sono fondamentalmente due.

     La prima modifica riguarda la soppressione della precettiva esigenza finora stabilita secondo la quale il ruolo di avvocato e di procuratore doveva essere adempiuto da un sacerdote, sia quando la causa era allo studio dei tribunali diocesani, sia quando veniva esaminata dalla Congregazione per la dottrina della fede. D’ora in poi questo ruolo potrà essere svolto anche da un fedele laico che sia in possesso dei requisiti a ciò stabiliti dall’ordinamento della Chiesa.

     L’altra modifica che il menzionato Rescritto apporta al motu proprio Sacramentorum sanctitatis tutela, come si è già accennato, riguarda l’elevazione ai 18 anni – e non solo 14, com’era finora – dell’età dei soggetti ripresi nelle immagini come requisito per configurare il reato di pedopornografia. Anche questa scelta, pur nelle difficoltà determinative che potrà generare, rappresenta un coerente seguito del generale innalzamento ai 18 anni dell’età costitutiva del reato di pedofilia stabilito in occasione delle modifiche apportate al testo originale del motu proprio nel maggio 2010.

@ Juan Ignacio Arrieta,

segretario del Pontificio consiglio
per i testi legislativi

Tipo Documento
Tema Minori Francesco Santa Sede
Area
Nazioni

Leggi anche

Attualità, 2020-14

M. Gentilini, Chiara Lubich

La via dell’unità tra storia e profezia

Francesco Pistoia

Il volume che Città nuova pubblica nel centenario della nascita della fondatrice del Movimento dei focolari, racconta un pezzo di storia religiosa e sociale del Novecento. Maurizio Gentilini, storico del movimento cattolico, ci fa rivivere la straordinaria avventura di Chiara Lubich (Trento 1920 – Rocca di Papa 2008), le vicende dolorose entro le quali in buona parte si svolge (guerre mondiali, nazifascismo, persecuzioni) e tratti del Concilio e del postconcilio in pagine ben documentate, terse e leggibili.

 

Documenti, 2020-13

A servizio della Chiesa locale

Messaggio alle Pontificie opere missionarie

Francesco

Il 21 maggio papa Francesco avrebbe dovuto partecipare all’Assemblea generale annuale delle Pontificie opere missionarie, l’organismo principale della Chiesa cattolica per aiutare i missionari e le giovani Chiese nell’annuncio del Vangelo e nella testimonianza di carità. L’incontro è stato rinviato per le restrizioni imposte dal coronavirus, ma nell’ambito di «un percorso di riconsiderazione… che volete sia ispirato dalle indicazioni del papa», il 21 maggio stesso Francesco ha voluto offrire alcuni «criteri e spunti generali» in un Messaggio inviato all’organizzazione.

L’indicazione è a rifuggire l’autoreferenzialità e recuperare l’originario radicamento nella base ecclesiale, «come una rete capillare diffusa nel popolo di Dio, pienamente ancorata e di fatto “immanente” alla rete delle preesistenti istituzioni e realtà della vita ecclesiale, come le diocesi, le parrocchie, le comunità religiose». Con un’applicazione precisa anche sul versante economico: «Se in alcune aree la raccolta di donazioni viene meno, anche per l’affievolirsi della memoria cristiana... può venire la tentazione di risolvere noi il problema “coprendo” la realtà e puntando su qualche sistema di raccolta più efficace, che vada alla ricerca dei grandi donatori». Ma «la sofferenza per il venir meno della fede e anche per il calare delle risorse non va rimossa, va messa nelle mani del Signore. E comunque è bene che la richiesta di offerte per le missioni continui a essere rivolta prioritariamente a tutta la moltitudine dei battezzati».

Documenti, 2020-13

A 25 anni dalla Ut unum sint

Francesco

Il 25 maggio ricorrevano i 25 anni dell’enciclica di Giovanni Paolo II Ut unum sint sull’impegno ecumenico (25.5.1995). Nell’occasione, papa Francesco ha inviato una lettera al presidente del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, il card. Kurt Koch (www.vatican.va).