A
Attualità
Attualità, 8/2020, 15/04/2020, pag. 217

America Latina – COVID-19: contagi in crescita

Gabriella Zucchi

Anche l’America Latina ha la sua Bergamo. È Guayaquil, nota come «la perla del Pacifico», la città più popolosa dell’Ecuador, centro commerciale con quasi 4 milioni di abitanti. Ospedali e terapie intensive insufficienti, morti in tale quantità da non saper più come smistarli. Nulla di nuovo – si direbbe – per noi italiani, che ci siamo passati tra i primi, ma lo scenario lì presentatosi è davvero apocalittico. Il sistema sanitario è presto collassato: né medici, né letti per accogliere i malati. A Guayaquil, dove si concentra il 75% dei casi di contagio del paese, circa 200 persone al giorno muoiono in ospedale, per le strade e soprattutto a casa, non solo di coronavirus.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-12

America Latina – Vita religiosa: pandemia e difesa della vita

Gabriella Zucchi

Nel contesto della settimana dedicata al 5o anniversario dell’enciclica Laudato si’ sulla cura della casa comune, la Confederazione latinoamericana dei religiosi (CLAR) il 19 maggio ha lanciato la campagna #TodosSomosAmazonía (Siamo tutti Amazzonia), con l’intento d’inviare medici e infermieri volontari in località prive d’assistenza sanitaria e raccogliere fondi per l’acquisto di forniture ospedaliere e kit di protezione per le comunità indigene della selva.

 

Attualità, 2020-12

America Latina: Querido continente

Rafael Luciani, Mauro Castagnaro, Gabriella Zucchi

«Ammalarsi e morire di COVID-19 in America Latina è anche una questione di posizione sociale. La probabilità d’infettarsi non è infatti uguale per l’intera popolazione» (Gabriella Zucchi). Il continente gravemente colpito dalla pandemia ha tassi di mortalità ufficiali elevatissimi con il Brasile secondo solo agli USA, seguito da Perù, Cile, Messico, Colombia… poco o nulla sappiamo invece di chi muore laddove non c’è servizio sanitario, acqua potabile e soprattutto in Amazzonia. Molte voci si sono levate, specialmente di religiosi e religiose impegnati in una fattiva «solidarietà umana nel dolore» – scrive Rafael Luciani nello speciale della CLAR che qui presentiamo. Così come altrove, la pandemia ha squarciato il velo delle disparità e delle contraddizioni: economiche, politiche, sociali, culturali e religiose. Per questo si rivela densa di significato la metafora della Chiesa «ospedale da campo», lanciata da papa Francesco all’inizio del suo pontificato. Essa vale oggi per l’emergenza sanitaria, ma anche per la vita liturgica e spirituale delle comunità – come il Sinodo del 2019 e poi l’esortazione Querida Amazonia hanno sottolineato – e per la vita religiosa che s’interroga sul suo futuro nel continente (Mauro Castagnaro).

Attualità, 2020-12

America Latina - Coronavirus: arriva l'inverno

Gabriella Zucchi
Sta arrivando l’inverno. Accade tutti gli anni, il 21 giugno, nell’emisfero australe. Ma nel 2020 questa non-notizia è carica di oscuri presagi per i mesi a venire. Mentre l’America diventa complessivamente l’epicentro mondiale della pandemia, con 3,3 milioni di casi certificati (la metà dell’intero pianeta) e crescite esponenziali dei contagi, alla conferenza...