A
Attualità
Attualità, 6/2020, 15/03/2020, pag. 163

R. La Valle (a cura di), Benedetto Calati il monaco della libertà

Un’intervista nascosta di Innocenzo Gargano e Filippo Gentiloni al monaco camaldolese

Piergiorgio Cattani

Siamo di fronte a un libro intervista risalente a una conversazione tenutasi il 25 gennaio 1994 nella sua cella di san Gregorio al Celio a Roma. Il nastro della registrazione si era perduto. È merito di Raniero La Valle, amico intimo di Calati, l’averlo ritrovato e aver curato la sua pubblicazione. La Valle presenta questo «resoconto stenografico» come la «straordinaria conversazione» tra Calati e «due amici che lo interrogavano per carpirgli il segreto della sua vita» (13).

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-4

Italia - Fine vita: vorrei prendere la parola

La risposta di un malato

Piergiorgio Cattani

Quando si parla seriamente delle tematiche che concernono la fine della vita sappiamo quanto ci sia bisogno di prudenza, ponderazione, misericordia, accoglienza, capacità di discernimento. È necessario porsi in un atteggiamento d’ascolto senza pretendere d’imporsi, sostando in quelle zone grigie sempre presenti anche se forse non ce ne accorgiamo.

 

Attualità, 2019-18

Italia - Filosofia: tornare a nascere

Intervista a Silvano Zucal

Piergiorgio Cattani
Silvano Zucal è docente ordinario di Filosofia teoretica presso il Dipartimento di filosofia dell’Università di Trento. Lo studioso, volto noto nel panorama culturale laico e cattolico trentino, vanta una pluridecennale ricerca nell’ambito della filosofia della religione, come testimoniano i suoi saggi su Romano Guardini. Zucal però si è ritagliato un posto di...
Attualità, 2019-18

M. Giuliani, Le terze tavole

La Shoah alla luce del Sinai

Piergiorgio Cattani

Il volume, senza infingimenti e retoriche di sorta, affronta la riflessione ebraica sulla Shoah da vari punti di vista, concentrandosi però su una domanda fondamentale, riassumibile per chiarezza in questo modo: in che relazione stanno il Sinai e Auschwitz?