A
Attualità
Attualità, 4/2020, 15/02/2020, pag. 98

L. Miele, Mio padre odiava il rock’n’roll

Lorenzo Galliani

Il rock’n’roll, amato da Luca ma detestato da papà Antonio detto Nino, è solo un pretesto o poco più per parlare di rapporti padre-figlio, Seconda guerra mondiale, malattie, paradossi all’italiana, uomini d’altri tempi, del coraggio di chi tira avanti e solo Dio sa come. Partendo da una storia – quella dei Miele, per l’appunto – si arriva a descrivere un’epoca strana, che forse non si è conclusa.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-2

M. Granieri, L. Miele, Il Vangelo secondo il rock

Lorenzo Galliani

Il Vangelo secondo il rock è il frutto di un lavoro intelligente e creativo e s’inserisce in un filone che la casa editrice segue da anni, approfondendo la ricerca del religioso nei prodotti della cultura popolare: dai Simpson a Mafalda, da Harry Potter a Leonard Cohen. Miele, giornalista di Avvenire, per la stessa casa editrice ha pubblicato Il Vangelo secondo Bruce Springsteen (cf. Regno-att. 6,2018,161) e ripropone qui alcuni temi biblici presenti nelle canzoni del «Boss». Primo tra tutti quello del fallimento della paternità: da Adam Raised a Cain, con il male trasmesso da una generazione all’altra, a My Father’s House, una rilettura della parabola del figliol prodigo con finale infelice.1