A
Attualità
Attualità, 22/2020, 15/12/2020, pag. 662

Francesco - San Giuseppe: padre nell’ombra

Il papa aggiorna la pietà giuseppina

Daniele Menozzi

Il papa intende promuovere la pietà giuseppina tra i fedeli, orientandola secondo gli indirizzi che ritiene adeguati al tempo presente. L’incoraggiamento a questa devozione è reso evidente dall’indizione a partire dall’8 dicembre 2020 di un anno di san Giuseppe, nel corso del quale i fedeli potranno lucrare l’indulgenza plenaria.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-4

Accettare la modernità: nuove prospettive sul Vaticano I

Daniele Menozzi

Il 150o anniversario della conclusione del concilio Vaticano I – interrotto nel 1870, dopo aver approvato due soli documenti, in seguito all’inizio della guerra franco-prussiana e all’ingresso delle truppe del Regno d’Italia a Roma – ha rinnovato una produzione storiografica che, dopo la pionieristica monografia pubblicata da Roger Aubert nel 1964 e l’analitica ricostruzione compiuta da Klaus Schatz in tre volumi usciti tra il 1992 e il 1994, sembrava aver perso interesse per il tema.1 La sua rilevanza appariva infatti sbiadire di fronte alle questioni, ben più attuali per la vita della Chiesa, poste da una migliore conoscenza del Vaticano II.

 

Attualità, 2021-2

L’antisemitismo e le sue radici cattoliche

Un codice culturale tra le due guerre

Daniele Menozzi

Nel mondo cattolico il percorso di revisione dell’atteggiamento verso gli ebrei, avviato dalla dichiarazione conciliare Nostra aetate, è stato segnato dal documento Noi ricordiamo: una riflessione sulla Shoah che nel 1998 ha pubblicato la Commissione per i rapporti religiosi con l’ebraismo. Vi si distingueva tra un antigiudaismo a base religiosa e un antisemitismo a base razziale, sostenendo che la Chiesa, anche se ha talora legittimato una deprecabile ostilità verso la religione ebraica, ha sempre condannato, in nome dell’originaria uguaglianza del genere umano, le concezioni antisemite.

 

Attualità, 2020-18

L’enigma Bea

Augustin Bea nella Chiesa pacelliana e nel Vaticano II

Daniele Menozzi

Il gesuita tedesco Augustin Bea (1881-1968) è stato uno dei grandi protagonisti dell’aggiornamento ecclesiale promosso dal coetaneo Giovanni XXIII. La sua figura è indissolubilmente legata al Segretariato per l’unità dei cristiani. Nel maggio 1969, al momento di elencare le commissioni incaricate di predisporre i lavori del concilio Vaticano II, il pontefice chiamava il quasi ottuagenario religioso a dirigere questo nuovo organismo, indicando esplicitamente – ed era il solo caso – il nome di chi l’avrebbe presieduto.