A
Attualità
Attualità, 22/2020, 15/12/2020, pag. 695

Ex Iugoslavia - Bosnia Erzegovina: il fallimento di Dayton

Sarah Numico

Sono passati 25 anni da quando la comunità internazionale, guidata dagli Stati Uniti, ha imposto ai tre popoli e ai membri delle minoranze nazionali in Bosnia ed Erzegovina l’Accordo quadro generale per la pace, anche conosciuto come l’Accordo di Dayton che «ha fermato la guerra durata per anni, ma non ha creato una pace stabile e giusta». I vescovi della Bosnia ed Erzegovina non si stancano di ripeterlo: sono anni che denunciano l’inefficacia degli accordi partoriti con grande fatica nella base aerea di Dayton e firmati il 14 dicembre 1995 a Parigi.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-2

Orizzonte internazionale

Sarah Numico (a cura di)
TÉMOIGNAGE CHRÈTIEN Cahier hiver 2021 / 29.12.2020 «Il cielo non è più un tribunale, ma non è completamente vuoto», perché «nel cuore degli esseri umani vive una dimensione che resta in attesa. È lo spazio della vita spirituale, del desiderio dei riti, dell’inquietudine persistente sul senso dell’esistenza di ciascuno...
Attualità, 2021-2

Svizzera - Settimana per l’unità dei cristiani: ponte tra le Chiese

L’esperienza della Comunità monastica di Grandchamp

Sarah Numico

Sarà la preghiera preparata da una comunità monastica di suore che vivono a Grandchamp, non lontano dal lago di Neuchâtel in Svizzera, a unire i cristiani di tutto il mondo nella tradizionale settimana di preghiera per l’unità che ogni anno si celebra dal 18 al 25 gennaio. «Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto», il tema scelto

Attualità, 2020-22

Orizzonte internazionale / temi religiosi nel mondo

Sarah Numico (a cura di)
SIC 82(2020) 829, novembre. Come previsto, Nicolas Maduro ha dichiarato la «gigantesca» vittoria del chavismo alle elezioni parlamentari del 6 dicembre, ma con l’affluenza al 31%, a vincere è stata l’opposizione guidata da Juan Guaidó, che aveva chiesto il boicottaggio ai seggi per una tornata elettorale definita frode alla democrazia. E di elezioni «fraudolente»...