A
Attualità
Attualità, 18/2020, 15/10/2020, pag. 539

Asia - Thailandia: l’ora della protesta

Stefano Vecchia

In Thailandia si è riaccesa la protesta e questa volta a dare voce all’insoddisfazione diffusa sono gli studenti universitari. Da tempo la protesta covava sotto le ceneri di passate tensioni, non ultima quella che 10 anni fa trasformò il centro di Bangkok in un campo di battaglia, con una novantina di morti, durante l’azione militare del 19 maggio 2010 (cf. anche Regno-att. 16,2017,494; 20,2018, 622; 8,2019,240; 22,2019,646).

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-18

India - Chiesa cattolica: battezzati e dalit

Stefano Vecchia

L’11 novembre i cristiani dell’India, di varie denominazioni, osserveranno la «Domenica di liberazione dei dalit» con una liturgia comune e attività di sensibilizzazione verso la discriminazione di cui sono vittime i battezzati di origine castale bassa, fuoricasta o tribale. Il 60% dei 25 milioni di battezzati indiani vive infatti in una condizione che non solo li emargina dalla società ma che ne riduce il ruolo e la partecipazione anche nella Chiesa cattolica. Un paradosso, dato che essi (come pure i musulmani) sono in maggioranza eredi di conversioni attuate proprio per sfuggire ai vincoli castali e realizzare liberamente la propria vocazione.

 

Attualità, 2020-16

Asia - India: 100 anni di laicato

Stefano Vecchia

La riunione della All India Catholic Union (AICU), la più antica e consistente organizzazione cristiana dell’India, ha avuto quest’anno una valenza che va oltre l’impegno a cadenza annuale di recepire, discutere e rilanciare tendenze, necessità e aspirazioni di una parte consistente della cattolicità indiana.

Attualità, 2020-14

Corea del Sud - Giappone: sottozero demografico

Stefano Vecchia

I dati relativi allo scorso anno confermano per Corea del Sud e Giappone la tendenza negativa della crescita demografica. Sulla prima pesano maggiormente le mancate nascite, sul secondo la numerosità della popolazione anziana. Ma entrambi i paesi sono accomunati da una situazione che presenta dei casi-limite e da politiche governative che non sono riuscite a invertire le tendenze negative, che sono in rapporto con una evoluzione culturale in atto e con indicatori di condizioni socio-economiche sempre meno favorevoli.