A
Attualità
Attualità, 16/2020, 15/09/2020, pag. 492

Medio Oriente - Libano: le Chiese chiedono aiuto

Paolo Tomassone

Il Libano «non è solo, insieme ricostruiremo Beirut». Lo ha detto il segretario di Stato vaticano, card. Pietro Parolin, nell’incontro avuto il 3 settembre nella cattedrale di San Giorgio con religiosi cristiani e musulmani subito dopo il suo arrivo nella capitale libanese. «Il Libano – afferma Parolin – ha bisogno della comunità internazionale e il mondo ha bisogno dell’esperienza unica del Libano, della solidarietà e della libertà che rappresenta».

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-16

Italia - Scuola: banchi d’Italia

Investire sulla scuola è pensare al futuro del paese. Intervista a Patrizio Bianchi

Paolo Tomassone

Tutti hanno lavorato per aprire la scuola, però ora tutti devono lavorare per «tenerla aperta e per renderla migliore di prima». Il governo in questi mesi «ha operato bene, pur in una situazione molto difficile». Ma la scuola non è solo il governo. «La scuola sono gli enti locali, sono le scuole intese come soggetti autonomi e sono le famiglie». Per Patrizio Bianchi, ex rettore dell’Università di Ferrara, ordinario di Economia, e durante il lockdown a capo della commissione fortemente voluta dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, «bisogna dimostrare di volere investire in maniera massiccia sulla scuola perché il nostro paese è quello che in Europa ha investito di meno ed è anche quello cresciuto meno».

Attualità, 2020-14

Teologia - Dopo il COVID-19: la Chiesa è già fuori

Intervista a Roberto Repole. Il rischio di una teologia della pancia piena

Paolo Tomassone

Quali sono i temi principali che l’emergenza COVID-19 ha posto alla Chiesa? Ne abbiamo parlato con Roberto Repole, docente di Teologia sistematica presso la Facoltà teologica dell’Italia settentrionale.

 

Attualità, 2020-12

Politica internazionale – COVID-19: la finestra socchiusa

Paolo Tomassone

Mentre nuovi conflitti armati dilagano in tutto il mondo, «la furia del virus ci mostra la follia della guerra. Per questo chiedo un immediato cessate il fuoco in ogni angolo del globo. È arrivato il momento di gettare le armi e concentrarci sulla vera lotta che dobbiamo portare avanti». Neanche i funzionari dell’ONU pensavano che l’appello del segretario generale António Guterres del 23 marzo potesse essere accolto. E invece a inizio aprile nelle Filippine, in Siria, in Camerun, nello Yemen e in molti altri paesi è stato trovato un accordo tra le fazioni in campo in diversi conflitti.