A
Attualità
Attualità, 10/2020, 15/05/2020, pag. 299

Cechia e Slovacchia: le ragioni della storia

Storia dello scisma di Farský e della «Chiesa cecoslovacca hussita»

Alessandro Milani

L’8 gennaio di quest’anno si è celebrato il 100o anniversario della creazione della «Chiesa cecoslovacca», a cui venne aggiunto l’aggettivo «hussita» nel 1971. Della nuova entità ecclesiale Karel Farský fu primo patriarca dal 1920 fino alla morte che lo colse nel 1927. Il contesto in cui maturò lo scisma era quello della Boemia a cavallo tra la seconda metà del XIX e gli inizi del XX secolo. Erano gli ultimi decenni dell’Impero austro-ungarico.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-8

Chiesa cattolica - Ruteni: una e plurale

La storia e il ruolo delle comunità greco-cattoliche di rito bizantino-ruteno nell'Est Europa

Alessandro Milani

Spesso si tende a identificare il cattolicesimo con il rito romano. A esso appartiene oltre il 90% dei complessivi 1,2 miliardi di fedeli (cf in questo numero a p. 240). Ma la Chiesa cattolica è una comunione perfetta tra 24 Chiese diverse per storia, gerarchia e tradizioni liturgiche, definite «orientali». Esse sono riconducibili a 5 macro-ambiti culturali: alessandrino (copto-cattolici d’Egitto e d’Etiopia), antiocheno occidentale (maroniti), antiocheno orientale (caldei, siro-malabaresi, siro-malankaresi), armeno, bizantino.