A
Attualità
Attualità, 22/2019, 15/12/2019, pag. 646

Francesco - Viaggio in Thailandia e Giappone: costruire vera armonia

Cronaca del recente viaggio pontificio

Stefano Vecchia

Il 32° viaggio apostolico di papa Francesco e il suo 4° in Asia ha toccato due paesi significativi del continente, anche se per motivi diversi. Dissimili per quanto riguarda regimi politici, storia, cultura, abitudini, climi e sviluppo, in qualche modo simili per un’apparente apertura al dialogo e alle altre culture, ma anche per la difficoltà a essere compresi in maniera profonda. Una sfida particolarmente significativa per la missione e in generale per la vita della Chiesa cattolica in loco, da molti percepita come straniera, se non addirittura estranea.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-14

Corea del Sud - Giappone: sottozero demografico

Stefano Vecchia

I dati relativi allo scorso anno confermano per Corea del Sud e Giappone la tendenza negativa della crescita demografica. Sulla prima pesano maggiormente le mancate nascite, sul secondo la numerosità della popolazione anziana. Ma entrambi i paesi sono accomunati da una situazione che presenta dei casi-limite e da politiche governative che non sono riuscite a invertire le tendenze negative, che sono in rapporto con una evoluzione culturale in atto e con indicatori di condizioni socio-economiche sempre meno favorevoli.

 

Attualità, 2020-12

Asia - Myanmar: le dichiarazioni del cardinale

Stefano Vecchia

Recentemente in Myanmar si sono registrate prese di posizione particolarmente forti da parte del cardinale Charles Maung Bo, arcivescovo di Yangon. Entrambe sono state pronunciate a proposito dell’epidemia di coronavirus che sta interessando anche questo paese, i cui dati di diffusione sono ufficialmente bassi e nei confronti dei quali operano forme più o meno forti di censura. C’è quindi il timore che la diffusione possa essere molto maggiore in una realtà che ha strutture di rilevamento e di contenimento del contagio quasi inesistenti.

 

Attualità, 2020-8

Corea del Sud - Mega Church: a prova di virus

Stefano Vecchia

L’espansione della diffusione del coronovirus in Corea del Sud ha riproposto all’attenzione mediatica una variegata realtà religiosa emersa per lo più negli anni Ottanta e Novanta, dopo la fine della dittatura e la nascita di una democrazia che si è consolidata anche per quanto riguarda la libertà di culto. In questo contesto, anche la Chiesa cattolica, erede di una presenza antica di tre secoli e coraggiosamente critica dei regimi illiberali successivi alla Guerra di Corea (1950-1953) ha visto riconosciuto il suo ruolo con una crescita sostanziosa negli ultimi decenni, dovendosi però confrontare con la proliferazione di nuove religioni e di nuovi culti di matrice cristiana.