A
Attualità
Attualità, 20/2019, 15/11/2019, pag. 622

Bolivia – Sinodo panamazzonico: una Chiesa indietro di 100 anni

Intervista a mons. Ricardo Ernesto Centellas Guzman

Gabriella Zucchi

A colloquio con mons. Ricardo Ernesto Centellas Guzmán, boliviano, classe 1962, licenziato in Teologia spirituale alla Pontificia università gregoriana di Roma, è vescovo della diocesi di Potosí, a 4.000 metri di quota. È al suo secondo mandato triennale come presidente della Conferenza episcopale boliviana, che si concluderà nel 2021.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-6

Messico - Violenza: un giorno senza donne

Gabriella Zucchi

Contro il machismo, la misoginia, i femminicidi e la violenza di genere: in un paese dove nel 2019 ne sono state uccise più di 1.000, il 9 marzo le donne hanno scioperato per un giorno. Un día sin mujeres, diffuso sui social anche con l’hashtag #UnDíaSinNosotras: un giorno senza di noi, per scomparire in segno di protesta contro una piaga in espansione, per immedesimarsi con le donne uccise, che hanno smesso per sempre d’andare al lavoro, portare i figli a scuola, fare la spesa, pubblicare sui social.

 

Attualità, 2020-4

Cuba - Card. Ortega Alamino: aperto il testamento

Gabriella Zucchi

A sei mesi dalla scomparsa del card. Jaime Ortega Alamino (26.7.2019), per 35 anni arcivescovo di San Cristóbal de La Habana, il 14 gennaio è stato reso pubblico il contenuto di un suo manoscritto di 14 pagine, da lui consegnato a fine maggio 2017 al segretario Nelson O. Crespo Roque, col mandato d’aprirlo dopo la sua morte.

 

Attualità, 2020-2

Messico - Legionari: il dito puntato

Gabriella Zucchi

Le «norme – ci ha detto il papa – non sono solo dei consigli: vanno applicate». Mons. Rogelio Cabrera López aveva ben recepito il messaggio. Il vescovo di Monterrey, presidente della Conferenza dell’episcopato messicano (CEM) dal novembre 2018, si era così espresso nel riferire dell’udienza privata concessa dal pontefice alla delegazione della CEM, subito dopo l’incontro vaticano su «La protezione dei minori nella Chiesa» del 21-24 febbraio 2019: sull’approccio ai casi di pedofilia del clero si doveva voltare pagina.