A
Attualità
Attualità, 18/2019, 15/10/2019, pag. 547

R. Christin, Turismo di massa e usura del mondo

Luca Miele

Una nuova specie s’aggira, da tempo, sul pianeta. È l’homo turistiscus. È possibile tracciare l’identikit di questo nuovo personaggio, ormai così familiare, in cui ci trasformiamo tutti a intervalli più o meno regolari? L’homo turistiscus – scrive in Turismo di massa e usura del mondo il sociologo francese Rodolphe Christin – è «dromomaniaco», è afflitto, cioè, da uno strano e inguaribile virus: quello che lo costringe a una mobilità incessante.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-16

S. Ranfagni, Corpo a corpo; F. Pieri, Bianca; V. Parrella, Almarina

Luca Miele

Il «Corpo» urla, piange, mangia. Vampirizza tutte le energie, ogni attenzione, colonizza ogni pensiero. Il Corpo è un piccolo sovrano insediato tra le mura domestiche. Più precisamente, in una culla.

Attualità, 2019-10

F. Finchelstein, Dai fascismi ai populismi

Luca Miele

Quale rapporto esiste tra fascismo e populismo? Di filiazione, di scarto o di co-appartenenza a un comune terreno? Dinanzi alla complessità del presente, Federico Finchelstein, docente di storia alla New School for Social Research e all’Eugene Lang College di New York, invita a pensare al plurale: tanto il populismo quanto il fascismo si declinano come costellazioni magmatiche e in continuo movimento che sfuggono a una presa teorica perché entrambi teorizzano il primato dell’azione sulla teoria. 

Attualità, 2019-8

F. Colombo, Imago pietatis

Indagine su fotografia e compassione

Luca Miele

Colombo interroga lo statuto estetico della fotografia e, in particolare, il suo rapporto genetico, costituivo, con il tempo. Ebbene, lo statuto temporale della fotografia è paradossale: se l’immagine congela il tempo nel momento stesso in cui lo supera, allora «la foto è un ricordo già nel momento in cui il fotografo scatta. Il tempo della foto è il passato». La fotografia ha, insomma, un rapporto inscindibile con la morte: «Un’immagine nel tempo, astraendo il suo soggetto dal flusso inarrestabile della vita, produce quasi inevitabilmente un legame metaforico con la morte, che tutta la storia di questa tecnica riattiverà progressivamente».