A
Attualità
Attualità, 16/2019, 15/09/2019, pag. 457

Santa Sede - Card. Achille Silvestrini: voglio destare l’aurora

In morte di un maestro (25.10.1923 – 29.8.2019)

Gianfranco Brunelli

Nello scrivere queste note sul card. Achille Silvestrini (per molti di noi, suoi amici, era «don Achille») debbo lasciare da parte proprio i sentimenti personali, maturati in anni d’assidua frequentazione e di collaborazione (fin dal 1981) a livello individuale e con la rivista Il Regno, di cui aveva grande considerazione, al punto da istituire annualmente (dal 1986) un incontro estivo a Dobbiaco dedicato all’analisi dei principali problemi della vita della Chiesa.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-18

Francesco - VI Concistoro: compassione vs indifferenza

Le novità di papa Bergoglio nella scelta del collegio cardinalizio

Gianfranco Brunelli

Con il concistoro ordinario del 5 ottobre scorso, papa Francesco ha creato 13 nuovi cardinali, dei quali 10 votanti in un eventuale conclave e 3 ultraottantenni. Papa Francesco porta così momentaneamente la composizione dei cardinali elettori del collegio cardinalizio in caso di un conclave a 128: 8 in più rispetto al tetto fissato da Paolo VI nella costituzione apostolica Romani pontifici eligendo, promulgata nel 1975.

 

Attualità, 2019-16

Italia - Politica: bloccati dal salvinismo

Dalla crisi al governo 5 Stelle-Partito democratico

Gianfranco Brunelli

La fine del governo Movimento 5 Stelle (M5S)-Lega e l’esito della crisi di governo di agosto dice molto delle condizioni critiche in cui versa il nostro sistema politico. Che l’esperienza di governo M5S-Lega, che in poco più di un anno ha condotto il paese in stagnazione economica e all’isolamento internazionale, fosse finita era apparso chiaro con le elezioni europee.

 

Attualità, 2019-14

Francesco - Cina: fedeltà alla coscienza

Gianfranco Brunelli

L’affermazione del card. Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, intervenuto il 14 maggio scorso alla conferenza internazionale presso l’Università cattolica di Milano, aveva evidenziato come «la sempre più feconda integrazione dei cattolici cinesi nella Chiesa universale e il cammino di riconciliazione tra fratelli avviato negli ultimi anni costituiscono certamente una novità di portata storica». Sulla linea espressa dal card. Parolin, e tenendo presente le difficoltà oggettive che l’Accordo provvisorio dello scorso anno propone, soprattutto sul piano applicativo, papa Francesco ha inviato, il 28 giugno scorso, ai vescovi e al clero degli Orientamenti pastorali circa la registrazione del clero in Cina.