A
Attualità
Attualità, 12/2018, 15/06/2018, pag. 329

Iran: l’embargo non fa paura

Reportage dal paese dopo la rottura di Trump

Elisa Pinna

Proprio in questi giorni, il presidente statunitense Donald Trump, spalleggiato da Arabia Saudita e Israele, ha stracciato l’accordo sul nucleare, accusando la Repubblica islamica di averlo disatteso, nonostante che regolari e scrupolosi controlli degli ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica avessero attestato il contrario. Trump ha annunciato una nuova raffica di sanzioni con l’obiettivo dichiarato di distruggere l’economia del paese.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-6

Iran - Elezioni: sfiducia record

Tramontato Rohani, in assenza dell’Europa un futuro grigio per il grande paese

Elisa Pinna

Ormai da un ventennio la politica iraniana oscilla, come nel movimento ondulatorio di un pendolo, tra fasi riformiste e ripiegamenti militaristi e integralisti. Le elezioni parlamentari dello scorso 21 febbraio hanno segnato il tramonto dell’era del presidente moderato Hassan Rohani e di quanti, all’interno della classe dirigente iraniana, avevano scommesso sulle possibilità di un reintegro della Repubblica islamica nella politica e nell’economia internazionali.

Attualità, 2019-4

Francesco - Emirati arabi uniti: solo Dio ne sa di più

Le sfide della prima volta di un papa nella Penisola arabica

Elisa Pinna

La foto del primo incontro di Francesco, come da prassi con le autorità politiche, dà il senso dell’importanza della missione pontificia, del coraggio del papa ad affrontare sfide nuove, ma anche dei pericoli di una possibile strumentalizzazione politica da parte dei suoi interlocutori, che rappresentano una componente dell’islam in guerra con tante altre.

 

Attualità, 2018-2

Iran: la rivolta dei senza scarpe

Sotto l’ombra della successione della guida suprema

Elisa Pinna

Mostazafin. I senza scarpe. Li chiamavano così ai tempi della rivoluzione islamica nel 1978-1979. Erano i diseredati, i ceti più poveri delle periferie rurali e urbane, le masse d’urto pilotate dall’ayatollah Khomeini e dai suoi uomini contro lo scià Reza Pahlavi. I loro nipoti sono ricomparsi per le strade di quasi ottanta città dell’Iran nelle scorse settimane, in una protesta scoppiata inizialmente contro il carovita e le politiche liberiste del presidente moderato Hassan Rouhani, e poi trasformatasi in una rivolta più violenta e caotica.