A
Attualità
Attualità, 14/2017, 15/07/2017, pag. 419

P. Stefani, Sulle tracce di Dio

Piergiorgio Cattani

Una raccolta di aforismi suddivisa in due parti e in 18 capitoletti che formano un insieme mai concluso di spunti, guizzi, gocce di riflessione – come li presenta l’autore nella sua premessa. Si potrebbe dire, citando Qohelet (libro biblico amato e tradotto da Stefani), che questi aforismi sono «pungoli», «chiodi ben piantati» (cf. Qo 12,11), come sono sempre le parole dei sapienti. In effetti Stefani si può davvero annoverare in questa categoria, tra coloro cioè che, dal cammino della vita, hanno imparato qualcosa e la vogliono offrire al prossimo senza alcuna pretesa.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-12

S. Dianich, Gesù

Un racconto per chi non ne sa nulla… o ha dimenticato

Piergiorgio Cattani

Scrivere un libro intorno alla figura di Gesù potrebbe sembrare un azzardo. Si sono occupate biblioteche e ancora oggi non si finisce mai di sostare su un personaggio che, al di là delle convinzioni personali, ha cambiato la storia del mondo. «Si calcola che nel XX secolo siano usciti 100.000 libri a lui dedicati»: così annota Piero Stefani proprio all’inizio di un libro dedicato a Gesù.1

 

Attualità, 2020-10

Italia - Dopo il COVID-19: anziani a perdere

Per un ripensamento del modello «casa di riposo». Anticamera della morte

Piergiorgio Cattani

L’epidemia di COVID-19 ci ha fatti piombare tutti in una situazione drammatica. Una tragedia nella tragedia si è consumata – e si sta consumando – nelle residenze socioassistenziali per anziani (RSA), cioè, per intenderci, nelle «case di riposo». Molti elementi hanno concorso a determinare la morte di un numero elevatissimo di ospiti, quasi tutti contagiati dal virus, benché le cifre dei decessi direttamente causati dal morbo siano oggetto di controversie molto dolorose e laceranti. Allo scoppio dell’epidemia e nelle prime settimane d’emergenza la questione del virus nelle case di riposo era considerata marginale. Quando la situazione è leggermente migliorata ecco che, piano piano, emergeva l’entità del dramma in corso.

 

Attualità, 2020-10

D. Fabiano, Senza paradiso

Miti e credenze sull’aldilà greco

Piergiorgio Cattani

Oggi l’immaginario collettivo sull’aldilà presenta un sincretismo di visioni che però mantengono la loro provenienza cristiana e, prima ancora, greca antica. Le due prospettive religioso-culturali conservano però grandi differenze che, a un attento studio, emergono chiaramente. È su questo versante che il saggio di Doralice Fabiano è davvero utile. Il concetto di «paradiso» rimanda direttamente a quello di retribuzione ultraterrena e quindi di ristabilimento della giustizia. Per i greci non esiste un giudizio nell’oltretomba perché, soprattutto per la mentalità arcaica, non esiste una divinità che premia il bene e punisce il male.