A
Attualità
Attualità, 14/2017, 15/07/2017, pag. 419

P. Stefani, Sulle tracce di Dio

Piergiorgio Cattani

Una raccolta di aforismi suddivisa in due parti e in 18 capitoletti che formano un insieme mai concluso di spunti, guizzi, gocce di riflessione – come li presenta l’autore nella sua premessa. Si potrebbe dire, citando Qohelet (libro biblico amato e tradotto da Stefani), che questi aforismi sono «pungoli», «chiodi ben piantati» (cf. Qo 12,11), come sono sempre le parole dei sapienti. In effetti Stefani si può davvero annoverare in questa categoria, tra coloro cioè che, dal cammino della vita, hanno imparato qualcosa e la vogliono offrire al prossimo senza alcuna pretesa.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-18

Italia - Filosofia: tornare a nascere

Intervista a Silvano Zucal

Piergiorgio Cattani
Silvano Zucal è docente ordinario di Filosofia teoretica presso il Dipartimento di filosofia dell’Università di Trento. Lo studioso, volto noto nel panorama culturale laico e cattolico trentino, vanta una pluridecennale ricerca nell’ambito della filosofia della religione, come testimoniano i suoi saggi su Romano Guardini. Zucal però si è ritagliato un posto di...
Attualità, 2019-18

M. Giuliani, Le terze tavole

La Shoah alla luce del Sinai

Piergiorgio Cattani

Il volume, senza infingimenti e retoriche di sorta, affronta la riflessione ebraica sulla Shoah da vari punti di vista, concentrandosi però su una domanda fondamentale, riassumibile per chiarezza in questo modo: in che relazione stanno il Sinai e Auschwitz?

 

Attualità, 2019-14

W. Eilenberger, Il tempo degli stregoni

1919-1929. Le vite straordinarie di quattro filosofi e l’ultima rivoluzione del pensiero

Piergiorgio Cattani

L’autore del volume riesce ad accompagnare in maniera brillante e convincente dentro i punti chiave di un pensiero determinante anche l’oggi. La finitezza (cf. 161), lo strumento (cf. 236), la temporalità (cf. 310ss.) e ovviamente l’angoscia e la morte (240ss.) sono concetti attraverso cui Heidegger rovescia completamente l’approccio filosofico della modernità. Deve in un certo senso contrapporsi al pensiero precedente appunto segnato da un inesorabile «oblio dell’essere».