A
Attualità
Attualità, 14/2017, 15/07/2017, pag. 419

P. Stefani, Sulle tracce di Dio

Piergiorgio Cattani

Una raccolta di aforismi suddivisa in due parti e in 18 capitoletti che formano un insieme mai concluso di spunti, guizzi, gocce di riflessione – come li presenta l’autore nella sua premessa. Si potrebbe dire, citando Qohelet (libro biblico amato e tradotto da Stefani), che questi aforismi sono «pungoli», «chiodi ben piantati» (cf. Qo 12,11), come sono sempre le parole dei sapienti. In effetti Stefani si può davvero annoverare in questa categoria, tra coloro cioè che, dal cammino della vita, hanno imparato qualcosa e la vogliono offrire al prossimo senza alcuna pretesa.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-14

W. Eilenberger, Il tempo degli stregoni

1919-1929. Le vite straordinarie di quattro filosofi e l’ultima rivoluzione del pensiero

Piergiorgio Cattani

L’autore del volume riesce ad accompagnare in maniera brillante e convincente dentro i punti chiave di un pensiero determinante anche l’oggi. La finitezza (cf. 161), lo strumento (cf. 236), la temporalità (cf. 310ss.) e ovviamente l’angoscia e la morte (240ss.) sono concetti attraverso cui Heidegger rovescia completamente l’approccio filosofico della modernità. Deve in un certo senso contrapporsi al pensiero precedente appunto segnato da un inesorabile «oblio dell’essere».

 

Attualità, 2019-4

Democrazia in bilico

Yascha Mounk: dalla cittadinanza alla dittatura

Piergiorgio Cattani

La democrazia non è più «l’unico gioco in città». In questa efficace immagine si condensa il voluminoso studio del politologo tedesco Yascha Mounk, uno dei più giovani e penetranti analisti a livello internazionale. Popolo vs democrazia. Dalla cittadinanza alla dittatura elettorale, così s’intitola il saggio in questione, pubblicato in Italia pochi mesi fa (Feltrinelli, Milano 2018).

 

Attualità, 2018-10

D. Di Cesare, Stranieri residenti

Una filosofia della migrazione

Piergiorgio Cattani

L'ultimo libro di Donatella Di Cesare ha l’ambizione d’affrontare il problema del fenomeno migratorio dal punto di vista filosofico, intrecciandolo con l’ambito storico, giuridico, religioso, e con l’attualità politica. Non è semplice dipanare i numerosi fili che costituiscono la trama del testo. L'a decostruisce, con una serrata critica, alcuni presupposti dello stato, messi raramente in discussione perché ritenuti naturali e scontati: la differenza tra stranieri e cittadini, la presenza delle frontiere, la legittimità di un’entità istituzionale basata essenzialmente sul diritto degli autoctoni a difendere prima di tutto la loro identità.