A
Attualità
Attualità, 9/2015, 15/10/2015, pag. 622

Giubileo, Creato, Profughi, Nullità matrimoniali, Tasse, Porta santa, Cuba e USA, Colombia, All'ONU, Alle vittime di abusi

Luigi Accattoli

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-4

Francesco perde la pazienza e chiede scusa. Violenza alla donna è profanazione di Dio. No ad atti eutanasici. Appello a USA e Iran. Papa emerito sul celibato. Una donna in Segreteria di stato. Storie che profumano di Vangelo. Re e Sandri decani dei cardinali. Parola di Dio e Beatitudini. Segretario personale don Gonzalo.

Luigi Accattoli
Gennaio 2020 Francesco perde la pazienza e chiede scusa. «Tante volte perdiamo la pazienza; anch’io, e chiedo scusa per il cattivo esempio di ieri»: così Francesco all’Angelus del 1° gennaio, con riferimento a un gesto di stizza che aveva avuto l’ultimo dell’anno in piazza San Pietro, durante la visita al presepe dopo la celebrazione in basilica del Te...
Attualità, 2020-4

Non cattolici ai santuari

Una risorsa per la nuova evangelizzazione

Luigi Accattoli
Non cattolici che vengono ai nostri santuari: è l’argomento che abbozzo con questa puntata. Fenomeno antico ma oggi crescente: l’intercultura, il turismo globale, l’attrazione di sempre per il miracolo geolocalizzato. Su quell’albero, da quella sorgente, in quella casa: il divino che tocca terra attrae l’uomo del terzo millennio proprio come portava i greci antichi...
Attualità, 2020-2

Santa Sede - Finanze: sale e pepe sulla riforma

Se il Vaticano sia o no sull’orlo del fallimento

Luigi Accattoli

Non è vero che il Vaticano sia sull’orlo del fallimento ma è vero che la riforma dell’economia avviata da Benedetto XVI e continuata da Francesco non ha – fino a oggi – raggiunto gli obiettivi essenziali. Tra questi c’erano la riduzione della spesa e la trasparenza della gestione: la spesa continua ad aumentare e la trasparenza appare irraggiungibile. Ma non manca qualche segno di speranza che viene dalle ultime nomine ai ruoli di vertice e dalle procedure d’accertamento degli illeciti, che pare abbiano preso a funzionare.