A
Attualità
Attualità, 9/2015, 15/10/2015, pag. 621

Crisi dei rifugiati, KEK e diritti umani, Pellegrinaggio per il clima, Patriarca assiro, Tensioni a Gerusalemme

Daniela Sala

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-4

Fede e costituzione – 1700° del Concilio di Nicea. Comunione anglicana – Meeting dei primati. 500° anniversario della scomunica di Lutero. Italia – Muore Maria Vingiani. Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. Firenze – Corso per imam. Dialogo cattolici – ortodossi orientali. Chiesa di Norvegia e CEC – Avvicendamento ai vertici.

Daniela Sala
Gennaio 2020 Fede e costituzione – 1700° del Concilio di Nicea. Nel mese di gennaio s’incontrano a Bossey, in Svizzera, entrambi i gruppi di lavoro di Fede e costituzione, la commissione teologica del Consiglio ecumenico delle Chiese (CEC), a cui partecipa anche la Chiesa cattolica. Dall’8 all’11 si riunisce il gruppo di studio sull’ecclesiologia, che continua a valutare...
Attualità, 2020-2

Ecumenismo - Ortodossia: la crisi in stallo

Daniela Sala

Il primo tentativo di mediazione per risolvere la frattura tra le Chiese ortodosse, nata in seguito alla concessione dell’indipendenza (autocefalia) alla Chiesa ortodossa d’Ucraina (OCU) da parte del Patriarcato Ecumenico (cf. Regno-att. 10,2019,303), era stato quello dell’arcivescovo ortodosso di Cipro Chrisostomos II, ed era naufragato prima dell’estate. Ora sembra destinata a naufragare anche la seconda mediazione, tentata negli ultimi mesi. Il patriarca Teofilo di Gerusalemme, durante una visita a Mosca in novembre, ha proposto di svolgere ad Amman, in Giordania, un incontro panortodosso (o «sinassi») per ricomporre le divisioni.

 

Attualità, 2020-2

Montenegro - Legge sulla libertà religiosa: identità nazionale

Daniela Sala

Da alcune settimane in Montenegro e nella capitale serba Belgrado si svolgono manifestazioni di protesta contro la Legge sulla libertà di culto e sullo statuto giuridico delle comunità religiose, che è stata approvata dal Parlamento di Podgorica il 27 dicembre ed è entrata in vigore l’8 gennaio. Le proteste hanno assunto a tratti forme violente, e ne è rimasto ferito anche un vescovo.