A
Attualità
Attualità, 10/2015, 15/11/2015, pag. 654

Irlanda - Chiesa: imparare dall'ascolto

Intervista a mons. Diarmuid Martin, arcivescovo di Dublino

Maria Elisabetta Gandolfi

Incontro mons. Martin a Roma nelle giornate conclusive del Sinodo per la famiglia. Sottosegretario del Pontificio consiglio della giustizia e della pace dal 1986 al 1994 e poi segretario, nel 2001 viene nominato da Giovanni Paolo II osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite. Nel 2004 diviene arcivescovo di Dublino. Sono gli anni in cui emergono in crescendo le denunce di violenze sessuali attraverso sia i rapporti ufficiali sia le denunce delle vittime. Nel 2010 arriva la Lettera ai cattolici d’Irlanda a firma di papa Benedetto. L’anno dopo, in seguito alla pubblicazione del Rapporto Cloyne viene sfiorata la crisi diplomatica tra Irlanda e Santa Sede, poi rientrata. Tutto questo ha segnato un cambio epocale, ben percepito anche a Dublino. Il referendum (Regno-att. 6,2015,377) sulla modifica costituzionale per introdurre le nozze anche per le persone omosessuali dello scorso maggio ha come registrato – ha dichiarato mons. Martin – «un confronto con la realtà», esame dal quale non si può prescindere se si è rivolti a un «rinnovamento». Di qui è partito l’intervento in Aula al Sinodo del presule (cf. il blog L’Indice del Sinodo, 12.10.2015).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-10

L. Caffo, Dopo il COVID-19; Collettivo Malgrado tutto, Piccolo manifesto in tempi di pandemia; L. Molinari, Le case che saremo

Maria Elisabetta Gandolfi

Nasce la collana «Semi» per gettare ai lettori qualche idea germinale sul dopo pandemia (sulla scuola cf. in questo numero a p. 268) mentre tutti siamo chiusi nelle nostre case. Partiamo di qui, da questi contenitori: come sono? A quale visione sociale corrisponde la loro costruzione? Il «micromonodo in cui siamo obbligati a stare e di cui ci stiamo prendendo cura come mai era accaduto» oggi ci fa sentire al sicuro e temere la socialità della vita cittadina. Eppure della socialità ci nutriamo e fa parte del nostro essere molto più della vita quasi-monastica cui siamo sottoposti. 

Attualità, 2020-10

Germania - 75° fine della Seconda guerra: mai da soli

Maria Elisabetta Gandolfi

«Senza memoria perdiamo il nostro futuro». Lo ha affermato l’8 maggio 2020 il presidente della Repubblica federale tedesca, Frank-Walter Steinmeier, commemorando a Berlino il 75° anniversario della fine della Seconda guerra mondiale. Pochi giorni prima, il 29 aprile, la conferenza episcopale aveva pubblicato un documento sul ruolo della Chiesa cattolica nella guerra mondiale, in cui i vescovi riconoscevano le colpe dei loro predecessori nel conflitto (cf. in questo numero a p. 281; la traduzione italiana sul prossimo Il Regno – Documenti).

 

Attualità, 2020-8

In cifre – COVID-19: i testimoni e la carità

Maria Elisabetta Gandolfi

Chi sono e qunti sono i numeri dei decessi dei testimoni (medici, infermieri, sacerdoti, religiosi...) per COVID-19, e quali sono le donazioni messe a disposizione da parte della CEI e del Vaticano? Alcuni dati...