A
Attualità
Attualità, 10/2015, 15/11/2015, pag. 654

Irlanda - Chiesa: imparare dall'ascolto

Intervista a mons. Diarmuid Martin, arcivescovo di Dublino

Maria Elisabetta Gandolfi

Incontro mons. Martin a Roma nelle giornate conclusive del Sinodo per la famiglia. Sottosegretario del Pontificio consiglio della giustizia e della pace dal 1986 al 1994 e poi segretario, nel 2001 viene nominato da Giovanni Paolo II osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite. Nel 2004 diviene arcivescovo di Dublino. Sono gli anni in cui emergono in crescendo le denunce di violenze sessuali attraverso sia i rapporti ufficiali sia le denunce delle vittime. Nel 2010 arriva la Lettera ai cattolici d’Irlanda a firma di papa Benedetto. L’anno dopo, in seguito alla pubblicazione del Rapporto Cloyne viene sfiorata la crisi diplomatica tra Irlanda e Santa Sede, poi rientrata. Tutto questo ha segnato un cambio epocale, ben percepito anche a Dublino. Il referendum (Regno-att. 6,2015,377) sulla modifica costituzionale per introdurre le nozze anche per le persone omosessuali dello scorso maggio ha come registrato – ha dichiarato mons. Martin – «un confronto con la realtà», esame dal quale non si può prescindere se si è rivolti a un «rinnovamento». Di qui è partito l’intervento in Aula al Sinodo del presule (cf. il blog L’Indice del Sinodo, 12.10.2015).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-16

Violenze sessuali - Lingua italiana: la nostra scelta

Maria Elisabetta Gandolfi

L'intervista che proponiamo è emblematica sotto molti aspetti. Condotta in inglese, usa costantemente il termine «abuse», tradotto letteralmente con l’italiano «abuso» e abbiamo deciso di lasciarlo tale quale. Su queste pagine (cf. Regno-att. 22,2005,751 e Regno-att. 6,2019,138) abbiamo sempre usato l’espressione «violenza sessuale» e non «abuso», che è un calco – un false friend – dall’inglese. 

Attualità, 2019-14

Santa Sede - Sacramento della penitenza: in caso di violenze su minori

Maria Elisabetta Gandolfi

Il 1o luglio la Penitenzieria apostolica ha pubblicato una nota Sull’importanza del foro interno e l’inviolabilità del sigillo sacramentale che ribadisce la «segretezza della confessione» in quanto proveniente «direttamente dal diritto divino» e che pertanto non ammette «eccezione alcuna». Non è un’affermazione scontata, perché è noto che più di uno stato, sulla scia degli scandali delle violenze sui minori nella Chiesa, sta tentando di minare il segreto della confessione a fini giudiziari.

Attualità, 2019-14

Italia - Violenze sui minori: adesso c’è

Commento alle nuove linee guida della CEI

Maria Elisabetta Gandolfi

A 7 anni dall’approvazione delle prime Linee guida per i casi di abuso sessuale nei confronti di minori da parte di chierici (cf. Regno-doc. 11,2012,362), poi riviste nel 2014, a partire dalle osservazioni della Congregazione per la dottrina della fede (cf. Regno-doc. 7,2014,233), il 24 giugno scorso la Conferenza episcopale italiana, assieme alla Conferenza italiana dei superiori maggiori, ha pubblicato le nuove Linee guida per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili.