A
Attualità
Attualità, 10/2015, 15/11/2015, pag. 642

Colombia: ridare un nome

Reportage sulla pastorale con gli afro, i poveri tra i poveri del nuovo continente

Gabriella Zucchi

Morenos, trigueños, niches, chocoanos, palenques, afrocaleños, neri, mulatti. Parole diverse, ciascuna con una propria sfumatura di significato, ma col denominatore comune d’indicare tutte i pronipoti degli schiavi: in un vocabolo solo, gli afrocolombiani. Cali – capitale del dipartimento di Valle del Cauca e terza città della Colombia – è la città del paese col maggior numero di afrodiscendenti, seconda del Sudamerica. Gli afro si sono riversati in città, abbandonando la costa dell’oceano Pacifico dove erano localizzati originariamente, per lo più a motivo del conflitto armato, della mancanza di lavoro, di calamità naturali, dell’inquinamento ambientale provocato dalle attività minerarie incontrollate.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-18

L. Capuzzi, S. Falasca, Frontiera Amazzonia

Viaggio nel cuore della terra ferita

Gabriella Zucchi

Se ci vai, ne rimani stregato. L’Amazzonia non è un luogo che può lasciare indifferenti. Lo dico per esperienza, ringraziando la selva colombiana del Caquetá e del Putumayo (cf. Regno-att. 8,2015,511-513). La sua natura, di una bellezza maestosa e prorompente, non lascia pacificati. Un’iniquità dai mille volti l’avvolge, assieme ai suoi abitanti. Le giornaliste Lucia Capuzzi e Stefania Falasca, belle firme del quotidiano Avvenire, sono andate in Amazzonia al seguito di Francesco, primo papa a calpestarne il suolo: il 19 gennaio 2018 a Puerto Maldonado, in Perù, egli ha avviato il Sinodo speciale ora in corso in Vaticano.

 

Attualità, 2019-14

Messico - Stati Uniti: il confine e gli accordi

Gabriella Zucchi

Un anno fa, alla notizia dell’elezione a presidente del Messico di Andrés Manuel López Obrador (AMLO), Donald Trump aveva dichiarato in un tweet di non vedere l’ora di lavorare con lui. Di rimando AMLO gli aveva offerto di ridurre i flussi migratori verso gli USA in cambio di aiuti allo sviluppo, per combattere la povertà e generare posti di lavoro.1 È del 7 giugno un accordo tra i due paesi, scaturito dopo che Trump aveva minacciato di applicare dazi del 5% sulle importazioni dal Messico a far data dal 10 giugno, se il governo di López Obrador non avesse contenuto la crescente immigrazione illegale.

 

Attualità, 2019-12

America Latina - CELAM: pensando a una riforma

Gabriella Zucchi

Dalla 37ª Assemblea generale svoltasi a Tegucigalpa (Honduras) dal 13 al 18 maggio – un’assemblea elettiva e programmatica – il Consiglio episcopale latinoamericano (CELAM) esce rinnovato e dà avvio a un processo sinodale di riforma che si pone esplicitamente nel solco della Chiesa tracciato da papa Francesco.