A
Attualità
Attualità, 10/2015, 15/11/2015, pag. 711

Bergoglio nel blog e nel quartiere

Qualcosa si muove ma è troppo poco

Luigi Accattoli

In che cosa è cambiata la mia vita da quando c’è Francesco? Poco o niente. Molto nella chiacchiera, da quella nobile delle conferenze a quella maldicente dei circoli minori. Pochissimo nei fatti. Provo a dirli. Sono tornato a scrivere del papa a gran richiesta del Corsera e di riviste e siti ed editori: ma questo è un effetto esterno, professionale. Non vale. Prego di più per lui. Lo facevo sempre, ma era un’intenzione rituale. Già di più con la malattia di Giovanni Paolo. Ma come si fa con un parente in ospedale. Ora invece prego tremando per le decisioni che Francesco deve prendere. È l’unico vero cambiamento.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-14

Trasparenza negli appalti. Immobile di Londra. Fondo per il lavoro a Roma. Papa emerito a Regensburg. Udienza a medici e infermieri. Direttorio per la catechesi. Siria, Libano, Yemen, Ucraina, Congo. Conferenza ecclesiale dell’Amazzonia. Fabbrica di San Pietro.

Luigi Accattoli
GIUGNO Trasparenza negli appalti. Un motu proprio sulla «trasparenza, il controllo e la concorrenza nelle procedure d’aggiudicazione dei contratti pubblici della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano» viene pubblicato il 1° giugno con l’obiettivo d’aggiornare questo settore alle legislazioni «più avanzate» in campo internazionale. Immobile...
Attualità, 2020-14

Alleanza per Roma

L’azzardo del papa sul dopo-COVID

Luigi Accattoli
Tra i gesti d’aiuto compiuti da Francesco in questi mesi di pandemia, il più inaspettato – a mia veduta – è la creazione di un Fondo per la «dignità del lavoro» affidato alla Caritas di Roma: si tratta di un’iniziativa per disoccupati e non garantiti della diocesi del papa, ma nella quale è trasparente l’intenzione di fornire un...
Attualità, 2020-12

Da Babele a Babele

Pandemia e segnaletica biblica

Luigi Accattoli
«Costruiamo una torre che tocchi il cielo»: nei giorni più chiusi della pandemia, provocato prima da un amico ebreo e poi da un gruppo di lettori della Bibbia che si riuniva via Zoom, mi sono azzardato a proiettare il mito di Babele sul mondo del COVID-19 e mi è parso che ci fosse un punto in comune, un fantasma se non una figura che le due parabole sovrapponendosi venivano...