A
Attualità
Attualità, 12/1979, 15/06/1979, pag. 274

Per gli obiettori un tribunale civile

L. P.

Leggi anche

Documenti, 2019-21

Sul suicidio medicalmente assistito

Comitato nazionale per la bioetica (CNB)

Il 18 luglio il Comitato nazionale per la bioetica (CNB) ha pubblicato un parere relativo al tema del suicidio medicalmente assistito, a seguito dell’ordinanza n. 207/2018 della Corte costituzionale, la quale è intervenuta in merito al caso di Marco Cappato e alla sospetta illegittimità costituzionale dell’art. 580 del Codice penale. Il documento «ha voluto richiamare l’attenzione della società e del mondo politico… su quelli che ha ritenuto essere le chiarificazioni concettuali e i temi etici più rilevanti e delicati…: la differenza tra assistenza medica al suicidio ed eutanasia; l’espressione di volontà della persona; i valori professionali del medico e degli operatori sanitari; l’argomento del pendio scivoloso; le cure palliative». Malgrado alcune divergenti posizioni emerse durante la discussione, il Comitato è pervenuto alla formulazione di alcune raccomandazioni condivise, non ultima che «venga promossa un’ampia partecipazione dei cittadini alla discussione etica e giuridica sul tema». In calce al testo sono collocate tre postille, pubblicate contestualmente al parere: la prima di Francesco D’Agostino a conferma del suo voto negativo; le altre due di Assunta Morresi e di Maurizio Mori, che pur avendo approvato il documento, hanno voluto precisare le proprie ragioni di dissenso su alcuni temi trattati.

Attualità, 2019-20

Roma - Atenei pontifici: alleati per la Casa comune

Paolo Pegoraro
È giunto alla III edizione il Joint Diploma in Ecologia integrale (JDEI), iniziativa congiunta delle università e degli atenei pontifici di Roma suscitata dall’appello del santo padre e che raccoglie la «sfida educativa» (Laudato si’, n. 209) di formare ad abitudini alternative al «contesto di altissimo consumo» nel quale siamo immersi. Avviatosi nel...
Attualità, 2019-16

Francesco - Viaggio in Africa (4-10 settembre): dignità, nome della speranza

Cronaca del recente viaggio pontificio nel continente africano

Antonella Palermo

L’Africa ha bisogno che ci siano amici, e non persone interessate, che l’aiutino a mettere in atto tutte le proprie risorse per progredire; ma ha bisogno prima di tutto che siano gli stessi africani coscienti della loro responsabilità nel cercare all’interno delle proprie società soluzioni ai problemi. Era questo l’auspicio del cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, alla vigilia del viaggio apostolico di papa Francesco in Mozambico, Madagascar e Maurizio ed è su tale duplice piano che si possono ripercorrere gli inviti lasciati dal pontefice in queste terre dell’Africa australe.